|
  • en
  • it
  • Home

40.000 giovani per la “GenerAZIONE2026”: i valori Olimpici in campo

Milano – dal 9 al 13 Novembre 2022 – ospiterà la 40a edizione di “SPORT MOVIES & TV – Milano International FICTS Fest”  Finale del Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva a conclusione del Circuito Internazionale

“World FICTS Challenge” (20 Festival nei 5 Continenti). L’evento, con giornate a tema, sarà caratterizzato da un’ampia partecipazione internazionale e sarà articolato in 130 Proiezioni (tra cui 30 anteprime mondiali ed europee, immagini Olimpiche esclusive, ecc.), 4 Meeting, 3 Workshop, 4 Mostre, 2 Conferenze Stampa, 8 Eventi collegati, il 6° Paralympic International Movies & Tv Fest e 30 Premiazioni di ospiti internazionali. Un vero e proprio “Festival delle immagini Olimpiche” con una “vetrina speciale” dedicata ai Giochi Olimpici con le migliori immagini di tutti i tempi di Tokyo 2020 e Pechino 2022 in proiezione di Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026 con le emozionanti performance di 974 Campioni sullo schermo.

Quattro le sedi dell’evento: l’Auditorium Testori a Palazzo Lombardia ospiterà le Cerimonie Ufficiali (9 e 13 Novembre) mentre all’Institut Français Milano, al Teatro dell’Istituto Maria Consolatrice e nella Sala Congressi dell’Hotel Admiral sono in programma Meeting e Proiezioni. Ingresso gratuito con accredito obbligatorio su https://bit.ly/SPMTV2022_Accreditation.

L’evento è organizzato dalla FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs riconosciuta dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) per il quale promuove i valori dello sport ed il significato socio-culturale dei Giochi Olimpici e Paralimpici (integrando lo sport con la cultura).

Il programma della Finale di Milano è stato presentato presso la Camera di Commercio di Treviso-Belluno|Dolomiti durante l’Assemblea Generale FICTS alla quale hanno preso parte rappresentanti dei 130 Paesi affiliati alla Federazione. Il Presidente Prof. Franco Ascani (Membro della “Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO”) – oltre al “Report” con gli obiettivi della Federazione e le linee di azione sul piano politico-organizzativo 2023-2026 – ha illustrato il Progetto Internazionale “GenerAZIONE2026-Sport powered by Youth and education” realizzato dalla FICTS in collaborazione con la Camera di Commercio (Presidente Dott. Mario Pozza), la Regione del Veneto (Assessora all’Istruzione Dott.ssa Elena Donazzan) e la Direzione Scolastica Regionale per il Veneto con il sostegno di Assindustria Venetocentro – Imprenditori Padova Treviso (Presidente Vicario Dott. Alberto Zanatta), Fondazione Sportsystem (Presidente Dott. Andrea Parisotto)  e Intesa Sanpaolo S.p.A (Direttore regionale Veneto Est e Friuli Venezia Giulia Dott.ssa Francesca Nieddu).

Il Progetto GenerAZIONE2026 – che ha coinvolto attivamente 40.577 giovani (di cui 31.135 a Milano) di 73 Scuole con proiezioni, attività fisica e formativa, etc. – è il primo step di un progetto triennale: una marcia di avvicinamento ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano-Cortina 2026.

Vari momenti significativi in un dialogo tra Istituzioni pubbliche e private all’insegna dello sport come momento di cultura, formazione ed imprenditorialità hanno caratterizzato la “tre giorni” di Treviso.

Il Teatro Mario del Monaco di Treviso (gremito in ogni ordine di posti) ha ospitato la “Cerimonia di Premiazione” dei migliori dei 10.000 partecipanti al Progetto GenerAZIONE2026 alla presenza delle autorità, dei campioni olimpici e di qualificati ospiti internazionali.

Nella sede della Camera di Commercio – oltre a 36 ore di proiezione sui maxischermi e al Convegno “I Giochi 2026: Metamorfosi e Nuove Competitività – Giovani, Impresa e Istituzioni” con l’intervento di Istituzioni, Fondazione Milano-Cortina 2026, Atleti olimpici e paralimpici, Imprenditori e Giornalisti sportivi – sono state allestite 6 Mostre a tema Olimpico:

  • “1956-2022: Ghiaccio e neve per i Giochi”: un viaggio fotografico «interattivo» con le più belle immagini dei Giochi Invernali da Cortina 1956 a Pechino 2022 accompagnati da immagini olimpiche;
  • “Women and the Games – Protagoniste ai Giochi”: iniziativa “al femminile” tesa a valorizzare il ruolo della donna nello sport;
  • Giochi Olimpici e film da podio”: 2 Installazioni con i poster di 54 film olimpici con proiezione delle immagini olimpiche di tutti i tempi;
  • La Domenica del Corriere”: 20 copertine originali dei Giochi Olimpici;  

  • L’impronta dell’innovazione. Come il Distretto dello Sportsystem ha cambiato il mondo della calzatura sportiva”: il patrimonio materiale e immateriale del Distretto di Montebelluna, specializzato nello sviluppo e produzione di calzature e attrezzature sportive;
  • Il cinema va a canestro”: 20 pannelli della storia del basket nel cinema.
  • Omaggio a Leonardo Del Vecchio” su una installazione dedicata al fondatore di Luxottica.

Assemblea Generale FICTS a Treviso con i delegati di 130 Paesi Membri

Il 16 Settembre 2022, presso la Camera di Commercio di Treviso-Belluno|Dolomiti (Presidente Dott. Mario Pozza) a Treviso, ha avuto luogo l’Assemblea Generale FICTS, alla quale hanno preso parte i rappresentanti dei 130 Paesi affiliati alla Federazione.

Nel corso dei lavori il Prof. Franco Ascani ha illustrato il “Report” al Consiglio di Amministrazione e ai componenti le Commissioni Internazionali della FICTS, con gli obiettivi della Federazione e le linee di azione sul piano politico-organizzativo 2023-2026.

Il Presidente ha illustrato il Progetto Internazionale “GenerAZIONE2026-Sport powered by Youth and education” realizzato dalla FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs in collaborazione con la Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti, Regione del Veneto (Assessorato all’Istruzione) e la Direzione Scolastica Regionale per il Veneto.

Il Progetto Internazionale “GenerAZIONE2026-Sport powered by Youth and education” – che ha coinvolto attivamente 40.577 giovani (di cui 31.135 a Milano) di 73 Scuole con proiezioni, attività fisica e formativa, etc.” – è il primo step di un progetto triennale, ossia la marcia di avvicinamento ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Milano-Cortina 2026.

Sono stati presentati, da parte di ciascun organizzatore, i 20 Festival del Circuito Internazionale “World FICTS Challenge 2023”. Sono state altresì presentate nuove Fasi (i cui progetti sono in via di definizione) negli USA a Fort Myers (Florida) grazie alla collaborazione del Dr Thomas J. Rosandich, Presidente USSA e in Nepal in collaborazione con il Nepal Olympic Committee.

Il Calendario Ufficiale del “World FICTS Challenge 2023” – dopo l’approvazione del Comitato Esecutivo ed il parere della Commissione competente – sarà presentato ed approvato a Milano il 10 Novembre nell’ambito di “SPORT MOVIES & TV 2022”.

“SPORT MOVIES & TV 2022” a Milano dal 9 al 13 Novembre

Milano – dal 9 al 13 Novembre 2022 – ospiterà la 40a edizione di “SPORT MOVIES & TV – Milano International FICTS Fest” Finale del Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva a conclusione del Circuito Internazionale “World FICTS Challenge” (20 Festival nei 5 Continenti). L’evento, con giornate a tema, sarà caratterizzato da un’ampia partecipazione internazionale e sarà articolato in 130 Proiezioni (tra cui 30 anteprime mondiali ed europee, immagini Olimpiche esclusive, ecc.), 4 Meeting, 3 Workshop, 4 Mostre, 2 Conferenze Stampa, 8 Eventi collegati, il 6° Paralympic International Movies & Tv Fest e 30 Premiazioni di ospiti internazionali. Un vero e proprio “Festival delle immagini Olimpiche” con una “vetrina speciale” dedicata ai Giochi Olimpici con le migliori immagini di tutti i tempi di Tokyo 2020 e Pechino 2022 in proiezione di Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026 con le emozionanti performance di 974 Campioni sullo schermo.

Quattro le sedi dell’evento: l’Auditorium Testori a Palazzo Lombardia ospiterà le Cerimonie Ufficiali (9 e 13 Novembre) mentre all’Institut Français Milano, al Teatro dell’Istituto Maria Consolatrice e nella Sala Congressi dell’Hotel Admiral sono in programma Meeting e Proiezioni.

Ingresso gratuito con accredito obbligatorio su https://bit.ly/SPMTV2022_Accreditation.

L’evento è organizzato dalla FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs riconosciuta dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) per il quale promuove i valori dello sport ed il significato socio-culturale dei Giochi Olimpici e Paralimpici (integrando lo sport con la cultura).

GenerAZIONE2026 in “corsa” verso i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali Milano-Cortina 2026

L’evento conclusivo “GenerAZIONE2026 – Sport powered by youth and education” si terrà a Treviso dal 15 al 17 Settembre 2022 nelle sedi del Teatro Mario del Monaco e della Camera di Commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti

I “tre giorni”  percorreranno vari momenti significativi in un dialogo tra Istituzioni Pubbliche e Private, guardando a Milano-Cortina 2026 all’insegna dello Sport come momento di cultura, formazione ed imprenditorialità.

Il Presidente della Camera di Commercio e Unioncamere Veneto Mario Pozza, il Prof. Franco Ascani Membro Commissione Cultura del CIO e Presidente FICTS, il Presidente Vicario di Assindustria Venetocentro Alberto Zanatta, il Presidente dello Sportsystem Andrea Parisotto, e Intesa Sanpaolo nella figura del Direttore RegionaleDottoressa Francesca Nieddu, accoglieranno i delegati della Federazione FICTS (Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs) provenienti da tutto il mondo.

Gli ospiti internazionali visiteranno le sedi delle aziende dello Sportsystem che apriranno le porte per una visita ai processi produttivi. Il Museo dello Scarpone sarà occasione di presentazione e di visita e cornice degli incontri b2b per i paesi d’interesse.

La Delegazione Internazionale sarà accompagnata a conoscere il territorio, con visite guidate a Venezia, al Museo Gipsoteca Antonio Canova, le Colline del Prosecco e la città d’arte Treviso.

I Delegati saranno la migliore voce per promuovere i luoghi e le realtà che guardano a Milano-Cortina2026.

Ho seguito personalmente il progetto “GenerAZIONE2026” – commenta il Presidente della Camera di Commercio Mario Pozza – perché credo nell’importanza di creare una cultura sui valori che ci propone la vita e che lo sport rappresenta in molte delle sue espressioni. Sono certo inoltre che dobbiamo guardare alle future risorse per un Veneto capace di affrontare le sfide per continuare ad essere attrattivo  e pronto per offrire un’accoglienza d’eccellenza per nuovi talenti in una rete di relazioni tra le istituzioni e il mondo imprenditoriale in vista dei giochi olimpici e paralimpici.

Il Progetto “GenerAZIONE2026 – Sport powered by Youth and education” si ispira all’ “Olimpismo, filosofia di vita che esalta e combina, in un insieme armonico, le qualità del corpo, della volontà e dello spirito” – afferma Franco Ascani Membro Commissione Cultura del CIO e Presidente FICTS -. E’ partita da Treviso e Belluno un’interazione di sport, cultura e imprenditorialità, con il coordinamento del contesto territoriale, delle esperienze, delle attività e delle infrastrutture. In questo modo si crea una giusta mentalità per nuovi momenti organizzativi ed una costante promozione e sviluppo del territorio, così da diffondere i valori del messaggio olimpico in un’ottica di sostenibilità ambientale e sociale con i giovani in veste di protagonisti.

Assindustria Venetocentro ha scelto fin dall’inizio di essere partner di GenerAZIONE 2026 perché esso valorizza al meglio la collaborazione virtuosa tra sport, impresa e territorio, in prospettiva naturalmente dei Giochi Olimpici invernali del 2026 – evidenzia Alberto Zanatta Presidente Vicario di Assindustria Venetocentro delegato per Treviso -. Un appuntamento che è parte delle iniziative della Capitale italiana della Cultura d’impresa 2022, promossa da Assindustria Venetocentro e Confindustria Venezia Rovigo.

Questo territorio è ai vertici nazionali nelle classifiche per partecipazione sportiva, amatoriale ed agonistica, e la nostra Associazione ha creato un’importante società sportiva, AssindustriaSport. Il nostro territorio vanta un distretto industriale di valore mondiale nello SportSystem. E c’è un altro fattore che consideriamo strategico: il coinvolgimento in questa iniziativa di migliaia di giovani, occasione per trasmettere i valori dello sport e del lavorare insieme per un obiettivo.

L’attenzione è rivolta al presente e contestualmente al futuro con la “GenerAZIONE2026” protagonista, dopo un impegnativo anno di lavoro, nella Cerimonia di premiazione al Teatro Mario del Monaco Giovedì 15 Settembre alle 17.30 su invito, alla presenza delle autorità, dei campioni olimpici e di qualificati ospiti internazionali.

Sabato 17 Settembre alle 10.00 il Convegno aperto al pubblico  “I Giochi 2026: Metamorfosi e Nuove Competitività” Giovani, Impresa e Istituzioni con l’intervento di Istituzioni, Fondazione Milano-Cortina 2026, Atleti olimpici e paralimpici, Imprenditori e Giornalisti sportivi.

Nella sede della Camera di CommercioVenerdì 16 Settembre dalle 14.30 alle 19.30 le Mostre e le proiezioni a tema: “Paralympic International Movies & Tv”. 

Sabato 17 Settembre dalle 14.30 alle 19.30 le Mostre e le proiezioni a tema: “I Giochi Olimpici”.

La visita delle mostre e le proiezioni sono aperte al pubblico con ingresso libero.

Il progetto “GenerAZIONE2026

GenerAZIONE2026” ha visto  coinvolti quasi 10.000 studenti provenienti da 32 scuole delle province di Treviso e Belluno; sono stati realizzati circa 3.000 elaborati, condividendo pensieri e approfondimenti sui valori etici dell’olimpismo. Sono state realizzate proiezioni sportive per 7.500 studenti ed effettuate 36 ore di lezioni in remoto durante la pandemia, chiamate “Emozioni sportive in classe”, un dialogo diretto con studenti e insegnanti. E’ stato dato vita ad un gemellaggio tra le regioni del Veneto e della Lombardia, grazie alla partecipazione degli studenti del Progetto “GenerAZIONE2026” ai “Trofei di Milano”, con la bella sorpresa del primo posto, come miglior staffetta all’Arena di Milano.

GenerAzione2026 – Sport powered by youth and edcation: a Treviso dal 15 al 17 settembre

In occasione del 40° Anniversario della Sua fondazione ed in prospettiva dei prossimi “Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali Milano-Cortina 2026”, la FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, la Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti con la Regione del Veneto (Assessorato all’Istruzione) e la Direzione Scolastica Regionale per il Veneto, hanno realizzato il Progetto Internazionale “GenerAZIONE2026-Sport powered by Youth and education” (10.000 studenti coinvolti).

L’evento conclusivo “GenerAzione2026 – Sport powered by youth and edcation”  con Proiezioni, Meeting, Workshop e Mostre a tema olimpico e sportivo si terrà a Treviso dal 15 al 17 settembre nelle incantevoli sedi del Teatro del MonacoPalazzo Giacomelli e Camera di commercio di Treviso – Belluno|Dolomiti nella centrale Piazza Borsa alla presenza di qualificati ospiti internazionali.

I “tre giorni” percorreranno vari momenti significativi in un dialogo tra Istituzioni Pubbliche e Private, guardando a Milano-Cortina 2026 all’insegna dello Sport come momento di cultura, formazione ed imprenditorialità.

L’attenzione è rivolta al presente e contestualmente al futuro con la “GenerAzione2026” protagonista, dopo un impegnativo anno di lavoro, nella Cerimonia di premiazione al Teatro del Monaco alla presenza di qualificati ospiti internazionali.

Il Sistema Imprenditoriale  e lo Sportsystem apriranno le porte delle aziende più prestigiose per far conoscere i momenti di una produzione unica al mondo.

Le Delegazioni Internazionali conosceranno il territorio e saranno la migliore voce per promuovere i luoghi e le realtà che sono e saranno al centro dell’attenzione per l’evento Olimpico e paralimpico del 2026.

Estremo omaggio della FICTS a Nikolay Porokhovnik

Il Prof. Franco Ascani, Member of the Culture and Olympic Heritage Commission del Comitato Internazionale Olimpico e Presidente della FICTS (Federation Internationale Cinema television Sportifs) con il Consiglio di Amministrazione ed i rappresentanti dei 130 Paesi affiliati, rendono l’ultimo saluto al Dr Nikolay Porokhovnik Membro della Commissione Festival Internazionali. È stato l’ideatore e l’organizzatore per 15 anni dell’“Atlant International FICTS Festival” a Lipetsk (Russia) e poi Festival Director del Festival a Zlatibor (Serbia).

Sceneggiatore, regista e produttore di numerosi documentari trasmessi dalla televisione di Stato russa, è stato anche autore di due libri di prosa, Membro dell’Unione scrittori di Mosca e dell’Unione cineasti della Russia.

La FICTS ha previsto una “Cerimonia di Commemorazione” in occasione dell’Assemblea Generale in programma a Treviso il 16 Settembre.

La FICTS esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia.

Sport e Giochi: da Nagano a Zlatibor emozioni sullo schermo

Si concluderà il 27 Agosto con la “Cerimonia di Premiazione” il “1° Nagano International FICTS Festival”, nella città Olimpica di Nagano (Giappone), coordinato dal Presidente del Comitato Organizzatore Dr. Ryuichiro Tsuchiya e dal Senior Advisor Dr. Kimi Koyanagi (già Membro del Comitato Organizzatore Nagano Olympics 1998). Nella città di Matsumoto (Prefettura di Nagano) il 20 Agosto ha avuto luogo, con successo, la “Cerimonia di Inaugurazione”.
Il Festival è articolato in Proiezioni, Meeting, Mostre e, nell’ambito del Programma “Olympic Images E-Motions” promosso dalla FICTS in accordo con l’Olympic Foundation for Culture and Olympic Heritage del CIO, verrà organizzata il 26 Agosto la “Giornata dell’Olimpismo” per promuovere i valori Olimpici e far scoprire nuovi sport attraverso proiezioni di film Olimpici e film dall’archivio FICTS.

Il 25 Agosto inizia lo “Zlatibor Sportfilm International Ficts Festival” a Zlatibor (Serbia) coordinato dal Presidente del Comitato Organizzatore Dr. Vojko Korošec e dal Festival Director  Dr. Peter Majerle. La Premiazione, alla presenza delle massime Autorità civili, militari e sportive, è in programma il 28 Agosto.

I vincitori delle 8 Sezioni di Nagano e di Zlatibor parteciperanno a “40° SPORT MOVIES & TV 2022 – Milano International FICTS Fest(www.sportmoviestv.com), Finale del Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva, a conclusione del “World FICTS Challenge”, articolato in 20 Festival (con 130 Paesi partecipanti) in programma dal 9 al 13 novembre 2022 a Milano con una “vetrina speciale” dedicata ai Giochi Olimpici attraverso le migliori immagini di Pechino 2022 e Tokyo 2020 verso Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026.

Prossimi FICTS Festival in calendario a settembre: Kampala (Uganda) dal 12 al 14 Settembre; Taskent (Uzbekistan) dal 23 al 25 Settembre; Pristina (Kosovo) dal 30 Settembre al 2 Ottobre.

Gli eventi sono organizzati sotto l’egida ed in collaborazione con la FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs (presieduta dal Prof. Franco Ascani, Membro della Commissione Cultura e Patrimonio del Comitato Internazionale Olimpico).

Press Office FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs
Via De Amicis, 17 – 20123, Milan (Italy)
Info:
www.sportmoviestv.com; tel. +39.02.89.40.90.76; email: ufficio.stampa@sportmoviestv.com

 

Milano, 24 Agosto 2022

Giochi Olimpici e 32 Discipline Sportive da 130 Paesi a Milano

Giochi Olimpici, calcio, basket, rugby, etc. sono solo alcune delle 32 discipline sportive sullo schermo a “SPORT MOVIES & TV 2022 – Milano International FICTS Fest” , Finale del Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva, da 130 Paesi, a conclusione del “World FICTS Challenge”, articolato in 20 Festival in programma dal 9 al 13 novembre 2022 a Milano. Una “vetrina speciale” sarà dedicata ai Giochi Olimpici con le migliori immagini di Pechino 2022 e Tokyo 2020 (proiettate su Parigi 2024 e Milano-Cortina 2026) con le emozionanti performance di 974 Campioni dove a farla da padrone sono valori olimpici, la gioia, la fatica, l’amicizia, il fair play, l’autodisciplina, il rispetto dell’avversario e delle regole. Giocatori leggendari come Leo Messi, Andres Iniesta, Ronaldinho oltre al celeberrimo allenatore Pep Guardiola, le inchieste doping nel calcio in Germania sono alcuni dei protagonisti che si alterneranno sullo schermo.

L’evento, con giornate a tema, è caratterizzato da un’ampia partecipazione internazionale ed è articolato in 100 Proiezioni (tra cui 30 anteprime mondiali ed europee, immagini Olimpiche esclusive, ecc.), 4 Meeting, 3 Workshop, 4 Mostre, 2 Conferenze Stampa, 8 Eventi collegati, 30 Premiazioni di ospiti internazionali.

“SPORT MOVIES & TV 2022”, cinque giorni di Tv, Cinema e Cultura sportiva – ad ingresso gratuito ed a inviti – costituisce un qualificato momento di incontro per Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.725 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), new media, case di produzione, produttori, registi, campioni sportivi, radio, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l’universo della televisione, del cinema e del web attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 8 Sezioni competitive.

L’evento è organizzato dalla FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs (presieduta dal Prof. Franco Ascani, Membro della Commissione Cultura e Patrimonio del Comitato Internazionale Olimpico). Il Festival, diffuso nella città, sarà ospitato in varie sedi, oltre a quella principale Palazzo Regione Lombardia (P.zza Città di Lombardia 1, Milano) che ospiterà le Cerimonie di Inaugurazione (9 Novembre) e di Premiazione (13 Novembre).

Le iscrizioni sono aperte fino al 10 settembre. Il Regolamento ufficiale e la Scheda d’iscrizione sono disponibili su: http://www.fictsfederation.it/regolamento_spmtv2022.pdf.

È possibile inviare le produzioni anche attraverso la piattaforma Film FreeWay nella pagina dedicata al Festival  https://filmfreeway.com/SportMoviesTv.

“Sport Rocks the world:la bellezza della forza inside outside”: Video contest under 18

La FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs (130 Nazioni affiliate) promuovere il video contest ideato da WO*MEN’S RUGBY LAND OF FREEDOM: “SPORT ROCKS THE WORLD!! – La bellezza della forza inside outside”, una competizione video che rafforzi l’idea che chi semina sport raccoglie futuro, ideata per combattere il fenomeno causato dalla pandemia dell’abbandono dello sport giovanile.
Nell’ambito di “SPORT MOVIES & TV 2022” (9-13 Novembre) Finale Mondiale del “World FICTS Challenge” è stata creato un’area dedicata esclusivamente ai giovanissimi “rockers”: una vera e propria vetrina con visibilità mondiale!

Cari atleti ed atlete, cosa aspettate allora? … fateci volare! 

raccontateci che non tutti mollano! Come? 

Scendete in campo ancora una volta. 

È facile. Basta usare lo strumento a voi più consono: il vostro smartphone con cui siete già bravissimi a fare video e raccontare i vostri pensieri, condividere le vostre emozioni! 

Ora non dovete fare altro che mettervi insieme, formare una squadra anche con amici musicisti, artisti, chiunque vogliate coinvolgere purché under 18 ed entro il 25 settembre raccontarci in un video (girato in orizzontale, possibilmente in mp4) qual è la forza del vostro sport.

Tutte le informazioni ed i contatti disponibili su https://www.womensrugbylandoffreedom.com/home_it/sport-rocks-the-world/.

TUTTI I GIOVANI CHE INVIERANNO IL VIDEO saranno inseriti in una “COMMUNITY” di influencers “I ROCKERS DELLO SPORT” dove potrete conoscervi, raccontarvi ed entusiasmarvi condividendo le vostre avventure sportive,

Tutti i video ricevuti (entro il 25 settembre) saranno caricati sulla sui Canali Social di Womensrugbylandoffreedom.com per essere votati dal pubblico. Una Giuria del Festival sceglierà i 3 migliori che saranno trasmessi durante la “Cerimonia di Premiazione” del Festival in programma il 13 Novembre.

Cosa aspettate? Noi stiamo aspettando di conoscervi, scoprire cosa vi affascina dello sport che praticate o vorreste praticare. 

Questo il guanto di sfida delle prime ROCKERS DELLO SPORT, l’under 17 femminile del Frascati

https://www.youtube.com/watch?v=mBvItbi2lp8&t=12s

Ora “il video” è nelle vostre mani! VIA DI CREATIVITA’ !!!!

SPORT MOVIES & TV 2022 – Milano International FICTS Fest. Chiusura iscrizioni: 10 Settembre

La Giuria Internazionale, sentito il Comitato Organizzatore, ha deciso di prorogare – per tutte le Sezioni competitive del Festival – al 10 SETTEMBRE le iscrizioni e la consegna delle opere a “SPORT MOVIES & TV 2022 – Milano International FICTS Fest” Finale del Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva a conclusione del “World FICTS Challenge”, articolato in 20 Festival nei 5 Continenti in programma dal 9 al 13 novembre 2022 a Milano.

L’evento, con giornate a tema, è caratterizzato da un’ampia partecipazione internazionale ed è articolato in 100 Proiezioni (tra cui 30 anteprime mondiali ed europee, immagini Olimpiche esclusive, ecc.), 4 Meeting, 3 Workshop, 4 Mostre, 2 Conferenze Stampa, 8 Eventi collegati, 30 Premiazioni di ospiti internazionali.

“SPORT MOVIES & TV 2022”, cinque giorni di Tv, Cinema e Cultura sportiva – ad ingresso gratuito ed a inviti – costituisce un qualificato momento di incontro per Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.725 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), new media, case di produzione, produttori, registi, campioni sportivi, radio, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l’universo della televisione, del cinema e del web attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 8 Sezioni competitive.

L’evento è organizzato dalla FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs a cui aderiscono 130 Nazioni (presieduta dal Prof. Franco Ascani, Membro della Commissione Cultura e Patrimonio del Comitato Internazionale Olimpico). Il Festival, diffuso nella città, sarà ospitato in varie sedi, oltre a quella principale: Palazzo Regione Lombardia (P.zza Città di Lombardia 1, Milano).

Nel corso della “Cerimonia di Premiazione” (13 Novembre) sarà consegnato il prestigioso Premio “Excellence Guirlande d’Honneur” ai personaggi del Cinema, della TV, dello Sport e del Giornalismo che “hanno svolto una significativa azione attraverso la promozione dell’immagine sportiva e dei valori culturali ed etici”.  In passato il riconoscimento è stato assegnato a registi e famosi personaggi del cinema e dello sport: Hugh Hudson, Zhang Yimou, Hugh Laurie, Dick Fosbury, José Carreras, Robert Redford, Leni Riefenstahl, Ennio Morricone, Martin Scorsese, Bud Spencer, Philippe Leroy, Giuseppe Tornatore, Franco Zeffirelli, Pelè, Mike Tyson, Johan Cruyff, Mohamed Al Fayed, Sergey Bubka, Marcello Lippi, Edoardo Mangiarotti, Yuri Chechi, Alex Zanardi, Ottavio Missoni (tutti presenti a Milano nelle passate edizioni).

L’Esecutivo FICTS incontra il Comitato Organizzatore del Nagano International Festival

Il Comitato Esecutivo FICTS guidato dal Presidente Prof. Franco Ascani e dal Segretario Generale Dr Enzo Cappiello hanno incontrato (online) il Comitato Organizzatore del “Nagano International FICTS Festival”, new-entry nel Circuito Internazionale “World FICTS Challenge 2022” in programma nella città Olimpica di Nagano (Giappone) dal 20 al 28 Agosto.

Nel corso della riunione il Presidente del Comitato Organizzatore Dr Ryuichiro Tsuchiya ed il Senior Advisor Dr Kimi Koyanagi (già Membro del Comitato Organizzatore Nagano Olympics 1998) hanno presentato il logo ufficiale ed il Programma del Festival che avrà come sede anche nella città di Matsumoto (Prefettura di Nagano) dove avrà luogo la “Cerimonia di Inaugurazione” il 20 Agosto.

Il Festival si articolerà in Proiezioni, Meeting, Mostre e – nell’ambito del Programma “Olympic Images E-Motions” promosso dalla FICTS in accordo con l’Olympic Foundation for Culture and Olympic Heritage del CIO – verrà organizzata una giornata dedicata all‘Olimpismo per far conoscere e promuovere i valori Olimpici e far scoprire nuovi sport attraverso proiezioni di Film ufficiali Olimpici e film dall’archivio FICTS e con dibattiti riguardanti il tema Olimpico.

La “Cerimonia di Premiazione” è in programma il 28 Agosto a Nagano.

Estremo omaggio a Ottavio Cinquanta Presidente Onorario della FICTS

Il Prof. Franco Ascani, Membro della Commissione Cultura ed Educazione Olimpica del Comitato Internazionale Olimpico e Presidente della FICTS (Federation Internationale Cinema television Sportifs), con il Consiglio di Amministrazione ed i rappresentanti dei 130 Paesi affiliati, rendono l’ultimo saluto a Ottavio Cinquanta Membro Onorario del CIO e già Presidente Onorario della FICTS.

Con 22 anni alla guida dell’ISU, Cinquanta è stato responsabile di numerose innovazioni durante la sua presidenza come l’introduzione dello short track nel programma Olimpico, la creazione del Gran Premio di pattinaggio di figura ISU nel 1995 e la riforma del sistema di punteggio del pattinaggio artistico nel 2004.

“Ottavio Cinquanta, un amico, un appassionato che ha guidato con grande dedizione e profonda conoscenza di tutti gli aspetti di tutte le discipline l’ISU- International Skating Union. Un grande leader un sostenitore della FICTS dalla sua nascita”.

La FICTS esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia

Competizione audiovideo a tema “Sport, Montagna e Olimpismo” verso Milano-Cortina 2026

La Fondazione Culturale Panathlon International – “Domenico Chiesa” e la FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs (125 Nazioni affiliate) promuovono e organizzano una Competizione internazionale di audio-video, a iscrizioni gratuite, sul tema “SPORT, MONTAGNA E OLIMPISMO”.

Una importante vetrina per filmmakers, new media, professionisti ed indipendenti, etc. che possono partecipare con video della durata massima di 4 minuti girati in qualsiasi formato e tecnica di ogni genere (fiction, animazione, documentari, etc.).

Scopo della competizione è quello di promuovere la qualità delle immagini che evidenzino il rapporto tra montagna, sport e Olimpismo e che diffondano i valori del Movimento panathletico ideale universale di cultura attraverso lo sport, strumento di educazione per un cambiamento sociale.

La FICTS – dal canto suo – intende valorizzare e promuovere il cortometraggio in quanto forma espressiva originale, incentivare la creatività di chi si avvicina al cinema offrendo la maggiore visibilità attraverso lo sport.

Per partecipare inviare il materiale attraverso wetransfer (mail: info@ficts.com) entro il 15 Settembre.

Il Regolamento è disponibile al link

La “Scheda di iscrizione” è disponibile al link

La Giuria composta da tre rappresentanti della Fondazione Culturale Panathlon International – “Domenico Chiesa” e tre della FICTS valuterà le 10 opere selezionate e assegnerà – per i tre video vincitori – premi per complessivi € 6.000. La “Cerimonia di Premiazione” avrà luogo a Milano il 13 Novembre in occasione di “SPORT MOVIES & TV 2022”, Finale del “World FICTS Challenge” (20 Festival nei 5 Continenti) Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Comunicazione e della Cultura sportiva.

Tutti i video ricevuti (entro il 15 Settembre) saranno caricati sulla Piattaforma SPORTMOVIESTV.COM e sui Canali Social del Panathlon International (e dei singoli Club) e della FICTS.

Olympic Day: una no-stop di 9 ore verso Milano-Cortina 2026

Grande successo con la massiccia partecipazione di campioni e dirigenti sportivi, Autorità, etc. all’“Olympic Day” (giovedì 23 Giugno) andato in scena, a Milano, presso la Sede del CONI – Comitato Olimpico Nazionale Italiano – Regione Lombardia (Patrocinatore dell’evento). 

La FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs (a cui aderiscono 130 Nazioni) riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico per il quale, attraverso un dialogo costante, promuove i valori dello sport ed il significato socio-culturale dei Giochi Olimpici e Paralimpici, è stata la promotrice e l’organizzatrice dell’evento nell’ambito del Progetto della FICTS “Olympic Images Day: Peace, Truce, Inclusion and Equality” con l’obiettivo di diffondere i valori educativi e formativi del Movimento Olimpico e Paralimpico attraverso le immagini, per ispirare una filosofia di vita che unisca sport, cultura e istruzione e per promuovere, tra i giovani, l’Olimpismo e la Cultura Olimpica verso Milano-Cortina 2026. 

Il Presidente FICTS Prof. Franco Ascani, Member of IOC Commission for Culture and Olympic Heritage, dopo la consegna, ad ospiti e relatori, del suo Volume “200 Film sul podio Olimpico – Cinema & Giochi” (Edito da UNASCI /Bradipolibri) ha evidenziato che la FICTS ha organizzato – in contemporanea nella stessa giornata e nelle 20 sedi dei Festival del “World FICTS Challenge” – una serie di attività finalizzate alla cultura dell’Olimpismo (Proiezioni, Conferenze, Meeting, Workshop, Premiazioni, etc.).

Le foto della giornata QUI.

L’evento si è articolato in: Proiezioni (22 film Olimpici sui temi Pace, Tregua Olimpica, Inclusione e Uguaglianza per rivivere i momenti che raccontano le gesta dei protagonisti, le cerimonie, gli aspetti emozionali, gli sport di squadra, i Giochi Paralimpici, ecc. ecc.), la presentazione editoriale del Volume “Il libro d’Oro per lo Sport Italiano” (a cura dell’ AONI) a cui sono intervenuti il Dott. Mauro Checcoli, Presidente AONI e il Dott. Antonio Rossi, Sottosegretario allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi eventi Regione Lombardia.

La V. Presidente CONI Nazionale Dott.ssa Claudia Giordani ed il Presidente CONI Regionale Lombardia, Dott. Marco Riva hanno inaugurato la Mostra “1956-2022: Ghiaccio e neve per i Giochi” (40 pannelli, 3 installazioni): un viaggio fotografico «interattivo» con le più belle immagini dei Giochi Invernali da Cortina 1956 a Pechino 2022, oltre ai manifesti dei Giochi Pechino 2022.

 

L’incontro-dibattito è stato preceduto dal conferimento della Stella d’oro al Merito Sportivo CONI “per il proficuo lavoro svolto durante la pandemia” a Laura Repetto, campionessa di pallanuoto, al Dott. Giuseppe Manenti (ciclismo) e al Prof. Luca Ferdinando Lorini alla presenza dell’Assessore Regionale al Turismo Dott.ssa Lara Magoni, dei Membri della Giunta CONI, dei Presidenti dei Comitati Regionali e Provinciali di Federazioni Sportive, Enti di Promozione Sportiva, Discipline Associate, Associazioni Benemerite, dei Membri del Progetto “GenerAZIONE 2026” (curato dalla FICTS) e delle Società sportive con gli Atleti e Dirigenti in divisa per l’iniziativa “La Chiama”.

 

La FICTS celebra l’“Olympic Day” il 23 Giugno a Milano. Mostre e Proiezioni presso il CONI Lombardia

La FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs (a cui aderiscono 130 Nazioni) riconosciuta dal Comitato Internazionale Olimpico per il quale, attraverso un dialogo costante, promuove i valori dello sport ed il significato socio-culturale dei Giochi Olimpici e Paralimpici (integrando lo sport con la cultura), partecipa attivamente all’“Olympic Day” il 23 Giugno.

La FICTS organizzerà una serie di attività finalizzate alla cultura dell’Olimpismo in contemporanea nelle 20 sedi dei Festival del “World FICTS Challenge”: Lisbona (Portogallo), Rotterdam (Olanda), Barcellona (Spagna), Cote d’Azur (Francia), Zlatibor (Serbia), San Paolo (Brasile), Sarajevo (Bosnia Erzegovina), Venezia/Treviso (Italia), Liberec (Rep. Ceca), Pristina (Kosovo), Tehran (I. R. Iran), Nagano (Giappone), Pechino (Cina), Tashkent (Uzbekistan), Kampala (Uganda), Nairobi (Kenya), Rio (Brasile), Kingston (Giamaica), Rogaška Slatina (Slovenia), Buenos Aires (Argentina). Sono in programma, in ciascuna sede, una Proiezioni, Conferenze, Meeting, Workshop, Premiazioni, etc. per educare i giovani al rispetto dei principi etici universali ovvero per ispirare una filosofia di vita che unisca sport, cultura e istruzione in un “movimento globale al servizio dell’umanità” come ha definito il Prof. Franco Ascani Presidente FICTS e Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO.

A Milano (Italia) sono in programma Mostre, proiezioni di Film e Video, ecc. con esclusive immagini dei Giochi Olimpici e Paralimpici di tutti i tempi presso la Sede (Via Piranesi, 46) del CONI – Comitato Olimpico Nazionale Italiano – Regione Lombardia (che Patrocina l’evento) nell’ambito del Progetto della FICTS “Olympic Images Day: Peace, Truce, Inclusion and Equality” con l’obiettivo di diffondere i valori educativi e formativi del Movimento Olimpico e Paralimpico attraverso le immagini, per ispirare una filosofia di vita che unisca sport, cultura e istruzione e per promuovere, tra i giovani, l’Olimpismo e la Cultura Olimpica verso Milano-Cortina 2026.

Il programma-orario delle proiezioni è disponibile QUI 

Il programma comprende:

  1. Ore 10.30: inaugurazione Mostra “1956-2022: Ghiaccio e neve per i Giochi”. Un viaggio fotografico «interattivo» con le più belle immagini dei Giochi Invernali da Cortina 1956 a Pechino 2022 (40 pannelli, 3 installazioni), oltre ai manifesti di Pechino 2022.
  2. Dalle 10.30 alle 16: un’ampia selezione di film e video proiettati nell’arco della giornata, tra cui “Peace through Sport”, “Sports in North Korea”, “1968 – Sport & Revolution”, “Tokyo 2020 Summer og”, “Best of Tokyo”, “Taking Refuge” e immagini Olimpiche (documentari, cortometraggi, lungometraggi, ecc.) sui temi Pace, Tregua Olimpica, Inclusione e Uguaglianza, ecc. Un’opportunità unica per vivere e rivivere i momenti che raccontano le gesta dei Protagonisti, le Cerimonie, gli aspetti emozionali, gli sport di squadra, i Giochi Paralimpici, ecc.
  3. Dalle 16 alle 19: incontri sull’Olimpismo, interventi, presentazioni editoriali, etc. con l’intento di rafforzare le potenzialità educative dei Giochi attraverso l’uso delle immagini coinvolgendo tutti coloro che promuovono lo sport sul territorio e per creare così un volano positivo in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali Milano-Cortina 2026.

Inoltre, per l’occasione – dal 20 al 26 Giugno – sarà possibile accedere gratuitamente ai 20.693 video olimpici della Piattaforma FICTS SPORTMOVIESTV.COM (https://www.sportmoviestv.com/accesso-catalogo-gratis/), la prima Digital Community di Informazione e Cultura Sportiva con il Cinema e la TV, con contenuti catalogati e di facile accesso sulla quale è anche pubblicato il Calendario di tutti gli eventi del prossimo trimestre.

A Budapest il “World Fair Play Trophy” al Prof. Franco Ascani

Il Presidente della FICTS – Fédération International Cinéma Télévision Sportifs Prof. Franco Ascani è stato insignito a Budapest (Ungheria) del prestigioso “World Fair Play Trophy” nella categoria “Jean Borotra – Career and life in the spirit of Fair Play” da parte dell’International Fair Play Committee (presieduto dal Dott. Jenő Kamuti). Il riconoscimento viene assegnato alle personalità che si sono dimostrate eccellenti ambasciatrici del fair play al fine di onorare ed attirare l’attenzione sugli atti di fair play eseguiti nel mondo dello sport. 

Il Dott. Spyros Capralos, Presidente del Comitato Olimpico Ellenico e Membro CIO ha consegnato il premio.

Sono tre i “CIFP World Fair Play Trophy” che vengono conferiti annualmente:

  • ad un atleta o una squadra per un atto di fair play
  • ad un’organizzazione per la promozione del fair play
  • “alla Carriera”

Il “World Fair Play Trophy alla Carriera” per il 2021 è stato conferito al Prof. Franco Ascani “per la sportività, per la lealtà e per la correttezza che ha accompagnato la sua carriera nello sport e nell’Olimpismo evidenziando, attraverso azioni esemplari, un eccellente spirito di fair play”.

Il Prof. Franco Ascani, sociologo dello sport, dal 2010 Membro della IOC Commission for Culture and Olympic Heritage, ha ricoperto, nella sua ultracinquantennale carriera, prestigiosi incarichi nel mondo sportivo, accademico ed editoriale svolgendo un costante impegno a favore della diffusione dell’educazione, della cultura e dei valori Olimpici, avviando alla pratica sportiva tre milioni e mezzo di giovani all’insegna del messaggio “lo sport è un movimento globale al servizio dell’umanità” che ha ispirato la sua attività.

In passato il prestigioso riconoscimento (World Fair Play Trophy) è stato conferito, tra gli altri, a Edoardo Mangiarotti, Bobby Charlton, Wayne Gretzky, ecc

30.000 in campo per lo “Sport nella Scuola”

Successo senza precedenti per i “TROFEI DI MILANO 2022 – Educazione, Cultura e Sport per i Giovani” (https://bit.ly/3wXzhLr), attività interscolastiche sportive e formative a cui hanno aderito con iscrizioni gratuite – nel 2022 – 30.135 studenti di 42 Scuole Primarie e Secondarie di 1° grado verso “Milano-Cortina 2026”. Giornata conclusiva il 26 maggio con la consegna del “Trofeo” presso la Scuola “Maria Ausiliatrice di San Donato Milanese” vincitrice per le Primarie. Il Presidente del Comitato Organizzatore Prof. Franco Ascani ha consegnato anche la prestigiosa “Targa Giuseppe Rovelli(“alla memoria” del Fondatore dell’AICS Milanese) per la Scuola che ha aderito con il maggior numero di partecipanti.

Per le Scuola Secondarie di 1° grado ai “TROFEI DI MILANO 2022” è stata vincitrice l’Istituto delle Suore di Maria Consolatrice.

Il Prof. Ascani, nel lanciare la prossima edizione, ha detto ai 930 studenti presenti: “Lo sport nella Scuola c’è. Occorrono più fatti e meno parole. Lo sport è un patrimonio che deve diventare un diritto per tutti”.

Il 10 Novembre, nell’ambito di “SPORT MOVIES & TV 2022”, Finale di 20 Festival del “World FICTS Challenge”, Campionato Mondiale della televisione, del cinema, della comunicazione e della cultura sportiva nei 5 Continenti (Milano, 9 – 13 novembre), saranno premiate – presso l’Auditorium Testori di Regione Lombardia (Piazza Città della Lombardia 1) – le Scuole vincitrici delle Attività formative (disegno, slogan, video, etc.) svolte nel corso dell’anno scolastico, articolate in 5 Aree: 1) “I Tuoi Giochi” 2) “I Tuoi Valori” 3) “I Tuoi Stili di Vita”, 4) “Le Tue Immagini” 5) “L’educazione all’olimpismo attraverso le immagini”.

Unici per riscontro e consensi nel panorama italiano dello “Sport nella Scuola”, i “Trofei di Milano” che hanno registrato (dal 1964 ad oggi) la partecipazione record di tre milioni e mezzo di studenti, sono organizzati – d’intesa con il mondo della Scuola – dall’AICS Milanese in collaborazione con la FICTS (presieduta dal Prof. Franco Ascani, unico italiano Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO) con il sostegno dell’ICS – Istituto per il Credito Sportivo e di Fastweb, con il Patronato di Regione Lombardia ed il Patrocinio di CONI Regionale, Comune di Milano, FIDAL e FISpT.

Il Campione Filippo Tortu, oro ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (staffetta 4×100) è stato il tedoforo alla “Cerimonia di accensione del Tripode” durante l’ultima delle Tre giornate della “Finalissima” presso l’Arena Brera di Milano (27-28-29 Aprile) con 7.200 partecipanti

Da quest’anno i “Trofei” – nell’ambito del Progetto “GenerAZIONE2026” in collaborazione con la Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti, Regione del Veneto, Ufficio Scolastico Regionale e FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs – si sono allargati e sono gemellati geograficamente comprendendo le “Aree Olimpiche” e coinvolgendo le Scuole di Sondrio (in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale) e del Veneto (Treviso – Belluno).

Classifiche, foto, video sono disponibili sul sito https://www.sportmoviestv.com/ficts-giovani-sport-for-all/trofei-di-milano-2022/.

10 Anni fa ci lasciava il mito Edoardo Mangiarotti, “Il re di spade”

10 anni fa, il 25 maggio 2012, ci lasciava Edoardo Mangiarotti, membro della “FICTS Hall of Fame”, lo sportivo italiano più decorato di tutti i tempi, 13 medaglie olimpiche (6 ori, 5 argenti, 2 bronzi) e 26 iridate (13 ori, 8 argenti e 5 bronzi). Oggi, passato un decennio, il mondo dello sport onora ancora il suo ricordo per la sua storia, i successi, e l’esempio che è stato e che sarà per le future generazioni. 

Nella scuola di scherma di Milano che porta il suo nome, diretta dalla figlia Carola, sono oltre 300 gli atleti che ogni stagione hanno il compito di mantenere vivo il suo ricordo sulle pedane d’Italia e del mondo (https://www.facebook.com/Mangiarottischerma/).

Tra i vari primati della sua lunga carriera, ha vissuto ben 17 edizioni estive dei Giochi Olimpici. Nella prima, a soli 17 anni nel 1936 a Berlino, vince già un oro a squadre; quindi, ne disputa altre 4 da atleta (Londra 1948, Helsinki 1952, Melbourne 1956 e Roma 1960), ancora 5 come dirigente sportivo e giornalista della Gazzetta dello Sport e per le successive come invitato d’onore dal C.I.O. È stato due volte Portabandiera della squadra italiana nel 1956 a Melbourne e nel 1960 a Roma.

Edoardo è stato il punto più alto di una Scuola, quella fondata dal padre Giuseppe, che da oltre un secolo onora la scherma e lo sport italiano.

Già nel ‘33 un Edoardo poco più che tredicenne suscitò l’interesse di tutti tanto da essere preferito al dotatissimo e più anziano fratello Dario, campione italiano in carica, come titolare nella squadra di spada che vincerà il titolo olimpico nel 1936 a Berlino.

La scuola del padre Giuseppe ha il momento di maggiore fulgore nel 1952 ai Giochi di Helsinki dove Edo e Dario fraternamente si abbracciano sui gradini più alti del podio di spada individuale (rispettivamente Edo primo e Dario secondo) e dividono anche l’oro a squadre con i compagni Battaglia, Bertinetti, Delfino e Pavesi.

Edoardo sarà ancora in prima linea sino a Roma 1960 quando si presenta ai Giochi di casa nostra con l’onore di essere ancora una volta il Portabandiera Azzurro, con l’onere della massima responsabilità dirigenziale della Federazione Scherma (con Nostini e Daré) e con l’impegno di essere nuovamente, all’età di 41 anni, lo spadista che non conosce sconfitta.

Edoardo si è sempre schierato con coloro che come lui hanno onorato l’Italia nelle lotte leali dello sport: per lunghi anni è stato Presidente dell’Unione Veterani Sportivi e della A.M.O.V.A., l’Associazione che lui stesso aveva fondato per riunire attorno alla bandiera del ricordo e dell’onore le Medaglie d’Oro al Valore Atletico.

Impegnato allo stremo, alla fine vittorioso, ha ottenuto che ai campioni meno fortunati nella vita venisse corrisposto quello che ora si chiama “Assegno vitalizio Giulio Onesti”. Uno dei suoi tanti successi e sicuramente quello che maggiormente lo ha gratificato.

È stato membro onorario della Federazione Internazionale di Scherma (F.I.E.) e di quella Italiana (F.I.S.), è stato insignito dell’Ordine Olimpico, massima riconoscenza del CIO, nominato Cavaliere di Gran Croce dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro (la più alta onorificenza italiana),

del Collare d’Oro del C.O.N.I., della Stella d’Oro del C.O.N.I. e per tre volte della Medaglia d’Oro al Valore Atletico. Nel 2009 ha ricevuto il Premio Fair Play alla carriera, meritato come Atleta, come Uomo e, soprattutto, quale Gentiluomo dello Sport.

Per tutti gli sportivi e schermitori del mondo, sarà comunque sempre Edoardo, il Re di Spade.

Il 28 maggio prossimo, presso la sede del CONI Lombardia interverranno – in un evento organizzato dal Comitato Provinciale ANSMeS – atleti, allievi, giornalisti e dirigenti che hanno “incrociato” in pedana o nella vita il grande Edoardo per un racconto, una testimonianza o chissà per lanciare un nuovo progetto, sempre rigorosamente per lo sport.  

Estremo omaggio della FICTS a Vangelis Papathanassiou

Il Prof. Franco Ascani, Membro della Commissione Cultura ed Educazione Olimpica del Comitato Internazionale Olimpico e Presidente della FICTS (Federation Internationale Cinema television Sportifs), con il Consiglio di Amministrazione ed i rappresentanti dei 129 Paesi affiliati, rendono l’ultimo saluto a Vangelis Papathanassiou.

Vincitore del Premio Oscar (su 7 Nomination) per la “Colonna Sonora” di “Momenti di gloria (Chariots of Fire)” del regista Hugh Hudson premiato a “Sport Movies & Tv 2019” con il “GOLD STAR FICTS – Ambassador of the culture and image of sports”. Il film, che ha ricevuto anche tre prestigiosi BAFTA – British Academy of Film and Television Arts (incluso quello al migliore film) è stato – con il 75% delle preferenze – il trionfatore del sondaggio “Il miglior film sportivo di tutti i tempi” proposto dalla FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs.

Ha firmato altresì la colonna sonora di eventi importanti, tra cui i Giochi Olimpici del 2000 a Sydney, i Mondiali del 2002 in Giappone e Corea del Sud e i Giochi Olimpici del 2004 ad Atene.

Beausoleil Côte d’Azur International FICTS Festival: the winners are…

Grande successo per la 6a edizione del “Beausoleil Côte d’Azur International FICTS Festival” che si è concluso con la consegna dei Premi ai vincitori presso il Centro Culturale Principe Ereditario Jacques di Monaco alla presenza del Presidente FICTS Prof. Franco Ascani.

Il Festival, inserito nel “World FICTS Challenge”, è stato organizzato dal CDOS-06 – Comité Départemental Olympique et Sportif des Alpes Maritimes presiduto da Philippe Manassero in collaborazione con la città di Beausoleil e con la FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs.

Da sinistra: Renato Tulio Ferrari delegato FICTS per la Francia, Gérard Destafanis Vice-Sindaco e Assessore alle Finanze e allo Sport di Beausoleil, Prof. Franco Ascani Presidente FICTS, Gérard Spinelli Sindaco di Beausoleil e Philippe Manassero Presidente del CDOS-06

I vincitori  del “Beausoleil Côte d’Azur Sport FICTS Festival”, scelti dalla Giuria presieduta da Bernard Maccario, sono:

  • Prix catégorie sport clip court métrage: “Mouve Fast” di Lucinda McLaren (United Kingdom)

  • Prix catégorie fiction et long métrage: “Bluetooth girl, football on the peak” di Keivan Majidi (Iran)
  • Prix catégorie JO: “Au delà des médailles” di Jean Philippe Lustyk (Francia)
  • Prix catégorie sport et société: “The recess” di Navid Nikkhah Azad (Spagna) 
  • Prix catégorie sport et documentaire: Cicliste per Caso – Grizzly Tour” di Silvia Gottardi (Italia)

  • Prix du jury: La troisième mi-temps” di Alissia Lejeune (Francia)
  • Prix catégorie clip azuréen: Nice Volley Ball” di Loic Zanus Fortes (Francia).

Ascolta QUI l’intervista di Gérard Destafanis Aggiunto al  Sindaco di Beausoleil.

Il Presidente della FICTS Prof. Franco Ascani ha insignito il Comune di Beausoleil – nella persona del Sindaco Gérard Spinelli – della “Guirlande d’Honneur” la più alta onorificenza della FICTS, considerata l’“Oscar della TV e del Cinema sportivo”, riservata a quei personaggi dello sport, del cinema e della TV che si sono distinti in una significativa azione di promozione dei valori culturali ed etici.

 

I vincitori del “Beausoleil Côte d’Azur Sport FICTS Festival” parteciperanno d’ufficio a “Sport Movies & Tv 2022”, Finale del “World FICTS Challenge” Campionato Mondiale di Cinema e televisione Sportiva che avrà luogo a Milano dal 9 al 13 novembre.

Lo sport nella Scuola è una realtà. 30.135 studenti con i “TROFEI DI MILANO 2022”

Si sono conclusi – all’Arena di Milano – “la tre giorni” di gare dei “TROFEI DI MILANO 2022 – Educazione, Cultura e Sport per i Giovani” (https://www.sportmoviestv.com/ficts-giovani-sport-for-all/trofei-di-milano-2022/), attività interscolastiche sportive e formative a cui hanno aderito con iscrizioni gratuite – nel 2022 – 30.135 studenti di 42 Scuole verso i Giochi Olimpici e Paralimpici Milano-Cortina 2026” finalizzate alla diffusione della cultura sportiva e dei valori olimpici tra i giovani delle Scuole dell’obbligo, comprendenti la corsa veloce (m. 60 e m. 80) e la staffetta mista, con la celebrazione della partecipazione di 3 milioni e mezzo di studenti (dal 1964 ad oggi).

Con le esibizioni della Fanfara 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia” e della Banda dell’Aeronautica Militare e con il lancio di 3.000 palloncini ha avuto luogo la “Cerimonia di accensione del Tripode” che ha visto Filippo Tortu, oro ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (staffetta 4×100), Tedoforo d’eccezione della manifestazione. La Fiaccola “Olimpica” è passata dalle mani di Francesco Ricci Bitti (Presidente ASOIF – Association of Summer Olympic International Federations) all’On. Bruno Molea Presidente Nazionale AICS e Internazionale CSIT, Diana Bianchedi          Games Project Director di Fondazione Milano-Cortina 202, Mario Pozza Presidente Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti e V. Presidente Union Camere, Antonio Rossi, Sottosegretario-grandi eventi sportivi di Regione Lombardia, Martina Riva (Assessore allo Sport Comune di Milano), Claudia Giordani (V. Presidente CONI Nazionale), Marco Riva (Presidente CONI Regionale Lombardia), Carola Mangiarotti (V. Presidente CONI Regionale Lombardia), Marino Vigna, Medaglia d’Oro Olimpica Ciclismo ai Giochi di Roma 60.

Da quest’anno i “Trofei di Milano” sono gemellati con le Scuole della Regione Veneto nell’ambito di un Progetto “GenerAZIONE 2026” che coinvolge Camera di Commercio Treviso Belluno Dolomiti, Regione Veneto, Ufficio Scolastico Regione Veneto e FICTS (Federation Internationale Cinema Television Sportifs).

La classifica finale delle Scuole premiate.

SCUOLE SECONDARIE 1° GRADO

  1. MARIA CONSOLATRICE – 18.830 PUNTI
  2. IC BORSI – 15.410 PUNTI
  3. WALTER TOBAGI – 13.095 PUNTI
  4. ADA NEGRI – 12.290 PUNTI
  5. DIAZ – BELTRAMI – 11.410 PUNTI
  6. BONECCHI DE ANDRE’ – 11.175 PUNTI
  7. ARBE ZARA – 10.410 PUNTI
  8. PASQUALE SOTTOCORNO – 7.910 PUNTI

______________________________________________________

SCUOLE PRIMARIE

  1. MARIA AUSILIATRICE SAN DONATO – 36.975 PUNTI
  2. REGINA CARMELI – 16.850 PUNTI
  3. IC BORSI – 14.880 PUNTI
  4. MARIA MAZZARELLO – 13.155 PUNTI
  5. ADA NEGRI – 11.050 PUNTI
  6. BUON PASTORE – 10.420 PUNTI

La premiazione delle attività formative dei “TROFEI DI MILANO” avrà luogo il 10 novembre nell’ambito di “Sport Movies & Tv 2022”, Festival Internazionale del Cinema e della Tv Sportiva.

Unici per riscontro e consensi nel panorama italiano dello “Sport e cultura per i giovani”, i “TROFEI DI MILANO” sono organizzati – d’intesa con il mondo della Scuola – dall’AICS Milanese in collaborazione con la FICTS (presieduta dal Prof. Franco Ascani, unico italiano Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO) con il sostegno dell’ICS – Istituto per il Credito Sportivo e di Fastweb, con il Patronato di Regione Lombardia ed il Patrocinio di CONI Regionale, Comune di Milano, FIDAL e FISpT.

Lo sport a scuola c’è: 7.000 velocisti all’Arena di Milano

In un’Arena Brera gremita (ingresso libero) di pubblico e di giovani atleti (7.000 Studenti delle Scuole Secondarie e Primarie), è iniziata la “Tre giorni” di gare della “Finalissima” (27-28-29 Aprile) di corsa veloce riservate alle Scuole Secondarie di 1° grado e alle Scuole Primarie della Città Metropolitana di Milano per i “TROFEI DI MILANO 2022 – Educazione, Cultura e Sport per i Giovani” (https://www.sportmoviestv.com/ficts-giovani-sport-for-all/trofei-di-milano-2022/), attività interscolastiche sportive e formative a cui hanno aderito con iscrizioni gratuite – nel 2022 – 30.135 studenti di 42 Scuole Primarie e Secondarie di 1° grado verso “Milano-Cortina 2026”.

LA CLASSIFICA FINALE DELLE SCUOLE PREMIATE:

Scuole Secondarie 1° grado 

  1. MARIA CONSOLATRICE – 18.830 PUNTI
  2. IC BORSI – 15.410 PUNTI
  3. WALTER TOBAGI – 13.095 PUNTI
  4. ADA NEGRI – 12.290 PUNTI
  5. DIAZ – BELTRAMI – 11.410 PUNTI
  6. BONECCHI DE ANDRE’ – 11.175 PUNTI
  7. ARBE ZARA – 10.410 PUNTI
  8. PASQUALE SOTTOCORNO – 7.910 PUNTI

Scuole Primarie 

  1. MARIA AUSILIATRICE (San Donato Milanese) – 36.975 PUNTI
  2. ISTITUTO REGINA CARMELI – 16.850 PUNTI
  3. IC BORSI – 14.880 PUNTI
  4. ISTITUTO MARIA MAZZARELLO (Cinisello Balsamo) – 13.155 PUNTI
  5. IC ADA NEGRI (Magnago) – 11.050 PUNTI
  6. BUON PASTORE – 10.420 PUNTI

Le foto delle gare della Scuola Secondaria 1° grado sono disponibili QUI.

I risultati delle gare delle Scuole Secondaria 1° grado (27 Aprile):

I risultati delle gare delle Scuole Primarie (28 Aprile):

Le foto delle gare delle Scuole Primarie sono disponibili QUI.

Durante le “Tre giornate” (con il record di 6.960 studenti in campo) finalizzate alla diffusione della cultura sportiva e dei valori olimpici tra i giovani, comprendenti la corsa veloce (m. 60 e m. 80 disputate su due rettilinei contemporaneamente) e la staffetta mista, avranno luogo le celebrazioni della partecipazione di 3 milioni e mezzo di studenti (dal 1964 ad oggi).

Venerdì 29 Aprile, il Campione Filippo Tortu, oro ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 (staffetta 4×100) sarà il tedoforo alla “Cerimonia di accensione del Tripode(ore 10) alla presenza delle Autorità e di bande musicali, di campioni dello sport, etc.

Unici per riscontro e consensi nel panorama italiano dello “Sport e cultura per i giovani”, i “TROFEI DI MILANO” sono organizzati – d’intesa con il mondo della Scuola – dall’AICS Milanese in collaborazione con la FICTS (presieduta dal Prof. Franco Ascani, unico italiano Membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del CIO) con il sostegno dell’ICS – Istituto per il Credito Sportivo e di Fastweb, con il Patronato di Regione Lombardia ed il Patrocinio di CONI Regionale, Comune di Milano, FIDAL e FISpT.

Con la Fase sportiva si concluderà anche la fase Formativa/Educativa, svolta nel corso dell’anno scolastico, articolata in 5 Aree: 1) “I Tuoi Giochi” 2) “I Tuoi Valori” 3) “I Tuoi Stili di Vita”, 4) “Le Tue Immagini” 5) L’educazione all’olimpismo attraverso le immagini.

Quest’anno i “Trofei” – nell’ambito del Progetto “GenerAZIONE2026” in collaborazione con la Camera di Commercio Treviso-Belluno|Dolomiti, Regione del Veneto, Ufficio Scolastico Regionale e FICTS – Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs – si sono allargati e gemellati geograficamente comprendendo le “Aree Olimpiche” e coinvolgendo le Scuole di Sondrio (in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale) e del Veneto (Treviso – Belluno con 7.552 studenti).

Last FICTS tribute to Alex Gilady, member of the International Olympic Committee

President of the FICTS – Federation Internationale Cinema television Sportifs Prof. Franco Ascani, Member of the Culture and Olympic Heritage Commission of the International Olympic Committee with the Board of Directors and the representatives of the 129 Member Countries, pay a final farewell to Alex Gilady.

He made a remarkable contribution to the Olympic movement as former President of the International Pierre de Coubertin Committee and as a member of the Culture and Olympic Heritage Committee.

The deepest condolences to the family.

Gilady, who was born in Tehran to Polish Jews fleeing World War II, began working in Israeli sports television during the late 1960s. He rose up through the industry over the years and became an NBC Sports executive and eventually president of Keshet Media Group, a primary television transmitter in Israel.

“Keshet Media Group mourns the death of Alex Gilady… a historic broadcast producer, visionary and shaper of Israeli television,” the network said in a statement.

For me, the sadness is particularly personal. 

Outside of North America, it is not unusual within the Olympic scene that I might be the first Jewish person someone will have ever met. That is, if they had not yet met Alex. 

To be sure, there are other Jewish people in the Olympic landscape and, for a variety of reasons, some are more upfront about their Jewishness than others. All good. Alex was not by any means crazy religious. But he was the International Olympic Committee member from Israel. Pretty obvious what he was. He would say to me, you know, you should always carry in your suitcase a kippah, the ceremonial Jewish skullcap. Why? He would shrug. And say, you never know. 

Alex was Israel’s first IOC member. Alex was also a senior NBC executive who, as the network’s longtime sports and Olympics boss Dick Ebersol was given to say, had an unlimited expense account, and surpassed it, often as de facto maestro of the Lausanne Palace hotel bar when the Olympic whirlwind was in town.

Alex managed to be close to, in succession, IOC presidents Juan Antonio Samaranch, Jacques Rogge and Thomas Bach, three very different personalities. It was nonetheless a rare day that Alex did not know what was what. He could be remarkably prescient, too. It was Alex who, in 1996, called Bach to urge him to run for the IOC’s policy-making executive board, as the current president noted in an IOC statement released Thursday, a phone call that ultimately would set Bach on a course for the presidency.

Those who knew Alex well had to laugh appreciatively when, in that same statement, Bach observed of Alex, “We all appreciated his open personality and his frank way of speaking even if we did not always agree, because with Alex we always knew that he was speaking from the heart. He was always a genuine person.”

This was the unvarnished truth. Whether at the Palace bar, or from-the-heart emails, or WhatsApp messages or calls or wherever Alex would find you, he was — let’s say — unreserved. I cannot begin to count the Alan-you-are-wrong missives or stern warnings I received over nearly 25 years. I also cannot begin to count the thank-you’s or notes of appreciation. This was Alex.

In one of my final exchanges, Alex wrote the one thing he had never said before: “Thanks for the sms. Love you.” 

“You too,” I wrote back. “Talk tomorrow.” 

Now there are no more tomorrows. 

Yiannis Exarchos, the head of Olympic Broadcasting Services, said in a Twitter note posted Thursday that Alex was a “giant of a man” and a “great friend.” Many people, not just Yiannis, would say the same of Alex. Obviously in decline at February’s Beijing Games, Alex nonetheless made a huge effort to be present in China to drink in their friendship.

Alex understood diplomacy, finance, television, sport (his depth and breadth was remarkable, though it must be said he had a keen affinity for track and field) and, most of all, people. In a nod to this combination, Seb Coe, the head of the international track and field federation, World Athletics, said in another Thursday Twitter post, “Alex’s passing is a grievous loss to his family, friends and the international sporting landscape. He brought to all of his deliberations a rare suffusion of political, commercial, communication and sporting nous. No gathering at major events will ever be quite the same.”

Everyone should have in their lives the sort of passion for which Alex loved the Olympics. He thoroughly, completely believed that the Olympic movement could, did, does change lives, one by one — and such change moves our world forward. Slowly? Sure. But surely. Because when we come together, we can maybe see beyond the hatreds of the past, live in the moment and build toward a better future, together. 

Alex was a Polish Jew born in Teheran. Say that sentence out loud and think about how that affected Alex and his worldview, about the land he came to, the nation it became, the one he would serve, how it has survived and grown since 1948, when Alex was 6 — and how things are different from December 1942, when he was born, and yet, our fragile and broken world is, in ways large and small, the same.

Alex was frank? He could be maybe tough? OK. When Alex was little, the Jews of Europe went silently. No more. 

The IOC president, to his enormous credit, has gone a long, long way toward recognizing the horrors of  Munich 1972. Who, meanwhile, do you think for years was a persistent voice pushing the IOC to do the right thing? You know who.

Because the ancient Hebrew calendar tilts toward the moon, not the familiar 24/7/365 cycle, the Jewish holidays shift through the 12 months on different days — rather than, say, Christmas always being December 25 — and Alex and I would sometimes find ourselves together in different parts of the world on this or that Jewish holiday. Alex and I would sometimes talk about 1972. Or whatever else was on his mind. 

Three autumns ago, for instance, he organized a lunch commemorating Rosh Hashanah — Jewish New Year — at the track and field championships in, of all places, Doha, Qatar. There were a handful of us and, as the custom prescribes, there were apples and honey on the table to celebrate the sweetness and promise of new beginnings. 

A few springtimes before, Alex and I and one other friend had marked Passover, the story of the telling of the Exodus, in a hotel room at the Lausanne Palace. Passover is perhaps the calendar’s most essential holiday; it is the Jewish origin story, the journey from slavery to freedom. Each spring, each telling of the story, thus brings a renewal of that thing that human beings need most. Hope.

The classic Passover sees a seder, the Hebrew word that in this context means both the story-telling and the event itself, filled with family, friends and food. In Lausanne that spring, though, there were just the three of us. And no kitchen. Problem? No problem. There was matzah, the unleavened bread that is central to the story, and, with Alex, of course, a good red.

Just one more bit of Hebrew: as seders go, to borrow from one of the key bits of the story, it 100 percent was dayenu, enough.

Passover 2022 begins at sundown Friday. That will be literally just hours after the funeral will draw to a close in Ramat HaSharon. 

As our tradition says: may Alex’s memory be a blessing.

Il ritorno del cross-programming e del workshop di sviluppo IN PROGRESS MFN

Milano Film Network è felice di salutare la 31a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina che torna in presenza e di sottolineare che si riapre nel 2022 la stagione dei festi-val del network che tornano a incontrare gli appassionati di cinema in città a Milano. Per tornare a frequentare le sale e a ristabilire il rapporto con il pubblico, anzi con i pubblici del-la città, MFN ritorna anche a dare vita alle sue attività per “Nuovi film e nuovi pubblici”: riparte infatti con una delle iniziative di maggior successo tra quelle di audience engagement studiate in questi anni, ossia il cross-programming: ciascun festival della rete infatti “adotta” un film in pro-gramma al FESCAAAL e lo promuove presso il suo pubblico, un’adozione che trova un grande ri-scontro in termine di comunicazione dato che i festival di MFN possono contare su bacini di pub-blico fortemente identificati e motivati, oltre che molto ampi. Questa la rosa dei titoli coinvolti nel cross-programming proposto dal FESCAAAL 2022:

  • MIX FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA LGBTQ+ E CULTURA QUEER Soula, Salah Issaad, Algeria, Francia, Qatar, Arabia Saudita, 2021, 92’
  • FILMMAKER FESTIVAL Nous, étudiants!, Rafiki Fariala, Repubblica Centrafricana / Francia / Congo R.D. / Arabia Saudita, 2022, 82’ INVIDEO Système K, Renaud Barret, Francia, 2019, 95’
  • MILANO FILM FESTIVAL Assault, Adilkhan Yerzhanov, Kazakistan / Russia, 2022, 90’
  • SGUARDI ALTROVE FF The Exam, Shawkat Amin Korki, Germania / Kurdistan / Iraq / Qatar, 2021, 90’
  • SPORT, MOVIES & TV FEST Kung Fu Zohra, Mabrouk El Mechri, Francia, 2020, 98’

Inoltre, MFN ha appena inaugurato anche le attività 2022 della sua piattaforma industry a so-stegno dei giovani autori del cinema italiano, con il ritorno del workshop di sviluppo produttivo In Progress MFN: il laboratorio torna in presenza, oltre a mantenere alcune lezioni in forma onli-ne, e intensifica il suo focus sullo sviluppo di idee cinematografiche che vengono accompagnate dal punto di visto artistico e organizzativo: la settima edizione vede confermato il suo board di men-tor, composto da Leonardo Di Costanzo, Michelangelo Frammartino e Carlo Hintermann. La call per progetti ha visto confermata quest’anno la collaborazione di diverse film commission e fondi regionali su tutto il territorio nazionale, oltre che del Torino Film Lab, e ha registrato oltre 80 iscrizioni da tutta Italia, tra cui sono stati selezionati 14 tra autrici e autori a partecipare al work-shop. Il percorso si articola tra intense sessioni di lavoro con mentor e tutor individuali e una serie di approfondimenti teorico-pratici condotti da professionisti di profilo internazionale, che af-frontano i temi chiave con cui gli autori sono chiamati a confrontarsi nel momento in cui sviluppano un progetto. MFN sosterrà economicamente i migliori progetti con due borse di sviluppo, la prima di 5.000 e la seconda di 4.000 euro: grande novità di quest’anno è un ulteriore sostegno, offerto da Movie People e Filmmaker, grazie al quale uno dei progetti sviluppati sarà sostenuto con una dotazione di noleggi tecnici, per un valore di 5000 euro. Ecco la selezione dei partecipanti 2022: Beniamino Barrese (Battaglia), Federico Barni (Enclave), Giacomo Bolzani (titolo tbd), Giulia Casagrande (Case), Davide Crudetti (Il grande buco), Elisa-betta Falanga (titolo tbd), Federico Francioni e Gaël de Fournas (Dar L Waldin), Andrea Gatopou-los (Fero), Rosa Maietta (Creature di un sol giorno), Valentina Manzoni (Silent Blue), Jacopo Mi-liani (Sunglasses at night) Andrea Benjamin Manenti (I have to fuck before the world ends), Anto-nio Morra (titolo tbd), Castrense Scaturro (Il Memoriale) Si rinnova anche quest’anno la proposta di In Progress LAB, nata nel 2019 come spin off del workshop di sviluppo In Progress MFN: una serie di incontri con professionisti del settore di livello internazionale organizzati da MFN – Milano Film Network in collaborazione con Filmma-ker e Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, e con il contributo di Fondazione Cariplo. Indirizzati a un pubblico di studenti di cinema, giovani autori, produttori e professionisti dell’audio-visivo, gli appuntamenti di In Progress LAB offrono una visione dall’interno dei problemi creativi, organizzativi e distributivi che un giovane autore si trova ad affrontare agli inizi del suo percorso professionale. Il calendario degli incontri, che affrontano alcuni dei temi chiave dell’ac-cesso al mercato, apre in concomitanza con alcuni degli incontri del workshop In Progress MFN, giovedì 7 aprile con un incontro con Eddie Bertozzi (programmer Festival di Locarno e buyer per Academy Two) e prosegue con momenti di approfondimento condotti da Luca Bigazzi, Daria D’Antonio, Sabrina Peron e Alessia Petitto. Il 9 aprile si inaugura infine la collaborazione tra il Cinemino e In Progress MFN, di cui Carlo Hintermann, Michelangelo Frammartino e Leonardo di Costanzo sono mentor: con l’occasio-ne della loro presenza a Milano per il workshop, sono presentati i loro ultimi film, accompagnati da un incontro di approfondimento. Si è cominciato sabato 9 aprile alle ore 19.00 con The Book of Vision di Carlo Hintermann, si prosegue sabato 14 maggio con Il buco di Michelangelo Frammar-tino, e si conclude sabato 11 giugno, con Ariaferma di Leonardo Di Costanzo. www.milanofilmnetwork.it. Milano Film Network è il progetto realizzato grazie al sostegno della Fondazione Cariplo che unisce l’espe-rienza e le risorse dei sette festival di cinema milanesi per offrire una proposta culturale lungo tutto l’anno e una serie di servizi per chi si occupa di cinema e audiovisivo a Milano e in Italia. Il network, nato da un’au-to organizzazione dei sette festival di cinema della città di Milano – Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina, Festival MIX Milano, Filmmaker, Invideo, Milano Film Festival, Sguardi Altrove Film Fe-stival, Sport Movies & Tv Fest – mira a includere non solo gli operatori del settore audiovisivo ma anche istituzioni e attori socio-economici, a riconoscimento della valenza del cinema in quanto forma d’arte ma anche settore produttivo che genera ricadute positive sul tessuto urbano.

王立科
王立科
王立科
王立科
王立科
王立科
王立科
王立科