28 October - 2 November 2010
FICTS (FÉDÉRATION INTERNATIONALE CINÉMA TÉLÉVISION SPORTIFS, 113 PAESI ADERENTI), RICONOSCIUTA DAL CIO, E' LA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DELLE TELEVISIONI SPORTIVE E IMMAGINI SULLO SCHERMO

Ottimizzato per Chrome e Firefox

CIO - CNO - FEDERAZIONI INT.

LOSANNA. IL "THE OLYMPIC MUSEUM", MUSEO HIGH-TECH ED INTERATTIVO

Il nuovo Museo Olimpico di Losanna - “THE OLYMPIC MUSEUM” – TOM - è caratterizzato da un eccellente taglio multimediale e con una esibizione di prodezze tecnologiche, è il capostipite di una ventina di Musei Olimpici in tutto il mondo che costituiscono l’Olympic Museum Network. Direttore del Museo è il Dr Francis Gabet, curatrice la Dott.ssa Fédérique Jamolli, il TOM è stato rinnovato grazie ad un cospicuo investimento del Comitato Internazionale Olimpico.

Il Presidente della FICTS Prof. Franco Ascani al The Olympic Museum

L’edificio, situato sulle rive del lago Lemano, è stato ridisegnato in quello che sarebbe più corretto definire un “tempio”  in onore dei Giochi Olimpici. In una sezione del Museo, alcune immagini in 3D consentono ai visitatori di rivivere i Giochi da Olimpia a Sochi. La visita inizia nella parte superiore dell’edificio e scende a spirale lungo tre piani il primo dei quali è dedicato al “Mondo olimpico” e alla sua storia.

Nello spazio semicircolare al centro dell’edificio, un enorme mosaico di schermi immerge lo spettatore nelle fasi preparatorie dell’atleta, che precedono la gara.

 

 


 

PECHINO, OSLO E ALMATY CANDIDATE UFFICIALI AI GIOCHI OLIMPICI INVERNALI 2022

Il Comitato Internazionale Olimpico ha reso pubblico il rapporto degli undici membri del gruppo di lavoro per i Giochi Olimpici Invernali 2022: Oslo (Norvegia), Pechino (Cina) e Almaty (Kazakistan) sono state promosse al ruolo di “candidature ufficiali”.


Il gruppo di lavoro ha valutato le candidature sulla base di 14 voci, assegnando un punteggio da 1 a 10 per ognuna di esse con 6 come sufficienza. Le città escluse sono Stoccolma, Cracovia e Leopoli (Ucraina). Oslo ha già ospitato i Giochi invernali nel 1952 (in Norvegia si sono svolti anche nel 1994 a Lillehammer), mentre Pechino è stata sede, nel 2008, dei Giochi Olimpici Estivi.

Per Almaty è una prima volta in assoluto. I Giochi Olimpici invernali 2018 avranno luogo a Pyeongchang, in Corea del Sud.

La decisione definitiva verrà ufficializzata il 31 luglio 2015 all'assemblea del Comitato olimpico internazionale a Kuala Lumpur.

8-07-2014

 

AGENDA OLIMPICA 2020: 14 GRUPPI DI STUDIO RIUNITI A LOSANNA

Eccellente iniziativa del Presidente del CIO Thomas Bach che ha costituito 14 gruppi di studio con altrettanti temi per analizzare proposte e per predisporre le linee operative per l’Agenda Olimpica 2020 ossia il documento che stabilirà i cambiamenti da introdurre nella Carta Olimpica e nei vari programmi.  Le proposte per Olympic Agenda 2020 saranno discusse da parte tutti i membri del CIO e approvate definitivamente  in una sessione straordinaria a Monaco l'8 e 9 dicembre 2014.


Il CIO ha assegnato al suo partner televisivo Japan Consortium che include la NHK (Japan Broadcasting Corporation) e il Japan Commercial Broadcasters Association, i diritti di trasmissione in Giappone su tutte le piattaforme multimediali (free-to-air TV, internet e mobile) dei XXIII Giochi Olimpici a Pyeongchang 2018, Tokyo 2020 nonché i diritti di trasmissione per il 2022 e il 2024 (da assegnare) e la terza edizione dei Giochi Olimpici della Gioventù estivi, a Buenos Aires nel 2018.

 

GIOCHI OLIMPICI: ASSEGNATI ALLA NBC UNIVERSAL I DIRITTI DI TRASMISSIONE FINO AL 2032 IN USA

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha annunciato di aver assegnato al colosso televisivo americano NBC Universal (7,75 miliardi di dollari per l'esclusiva sull'evento sportivo) i diritti di trasmissione negli Stati Uniti per le prossime sei edizioni dei Giochi Olimpici fino al 2032 su tutte le piattaforme multimediali (tv, internet e mobile). L’accordo 2021-2032 - siglato dal Presidente del CIO Thomas Bach e da Brian Roberts, Presidente e CEO della Comcast Corporation - garantirà maggior promozione dell'Olimpismo e dei valori olimpici negli States.

Essendo già state assegnate quelle del 2016 e del 2020 (Rio de Janeiro e Tokyo) le città americane sono in competizione per l’edizione del 2024. Secondo il “New York Times” le città in lizza dovrebbero essere Los Angeles, San Francisco, San Diego, Dallas, Washington, Philadelphia e Boston che dovranno poi superare la selezione del Comitato Olimpico degli Stati Uniti che ne sceglierà una.

 

6 APRILE 1986 – 6 APRILE 2014: BUON COMPLEANNO GIOCHI OLIMPICI

Il 6 Aprile 1896 nascevano i primi Giochi Olimpici dell’era moderna. Con la “Cerimonia di Inaugurazione” nell’antico Stadio ateniese “Panathinaiko”, davanti a 80.000 persone e alla famiglia reale, con la partecipazione di 241 atleti, il sogno del Barone Pierre de Coubertin diventava realtà. Il suo progetto fu presentato durante un Congresso all’Università Sorbona di Parigi, nel giugno 1984, al termine del quale fu fondato il Comitato Internazionale Olimpico e fu deciso che la prima sede dei Giochi Olimpici moderni sarebbe stata Atene.

La Cerimonia si concluse con il discorso del Principe Costantino e l’esecuzione, per la prima volta, di quello che diventerà l’inno olimpico, composto da Spyridon Samaras (con testo del poeta Kostis Palamas).

Da sinistra: Antoine De Navacelle de Coubertin, pronipote del Barone de Coubertin (sullo sfondo),
il Prof. Franco Ascani Presidente della FICTS e Francis Gabet Direttore del Museo Olimpico

14 le Nazioni in gara: Australia, Austria, Bulgaria, Cile, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Italia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera e Ungheria, 9 gli sport in programma (atletica, ciclismo, ginnastica, lotta, nuoto, tennis, tiro, scherma e sollevamento pesi) e nessun partecipante di sesso femminile.

Il primo campione olimpico è stato James Connolly che vinse nel salto triplo mentre l’atleta più premiato fu il tedesco Carl Schuhmann con tre ori nella ginnastica e uno nella lotta.

I vincitori, nella prima edizione dei Giochi moderni, erano premiati con una corona di ulivo e una medaglia di argento, i secondi con una medaglia di rame e un ramo d’alloro mentre non era previsto alcun premio per i terzi.

La corona d’ulivo è stata adottata dalla FICTS quale premio per i vincitori di “Sport Movies & Tv” con il nome di “Guirlande d’Honneur”.

 
Altri articoli...