28 October - 2 November 2010
FICTS: FEDERAZIONE DELLE TV SPORTIVE E DELLE IMMAGINI SULLO SCHERMO. 113 PAESI ADERENTI, RICONOSCIUTA DAL CIO

Ottimizzato per Chrome e Firefox

Altre News

VERSO LONDRA 2012: I NUMERI DEI GIOCHI OLIMPICI DEI RECORD

Enormi cerchi olimpici (11.5 metri di altezza per 25 di larghezza) hanno fatto il giro lungo il fiume Tamigi per celebrare i 150 giorni che mancano ai Giochi Olimpici Londra 2012 (27 luglio - 12 agosto). Sarà un’edizione fortemente “mediatica”, con un palinsesto 7 volte più ricco rispetto all’edizione 2008 di Pechino e un ricco programma di eventi culturali che farà da contorno. Saranno i Giochi Olimpici dei record, primo tra tutti la terza edizione nella capitale britannica dopo il 1908 e il 1948. 10.500 gli atleti partecipanti, 205 Paesi in gara, 37 discipline sportive. Gli Stati Uniti sono la Nazione “più medagliata” della storia con 2295 medaglie, seguita dalla Russia con 1010 e dalla Gran Bretagna con 715. Michael Phelps (nuoto) tenterà di battere il suo record di ori conquistati in una stessa edizione (14 a Pechino quando ha superato il record di Mark Spitz a Monaco 1972). In testa a questa speciale classifica c’è la mitica ginnasta russa Larissa Latynina - insignita a Milano della “Guirlande d’Honneur” della FICTS nel 2005 – che, tra il 1956 e il 1964, vinse ben 18 medaglie.

 

LA RICOSTRUZIONE DEL LAVORO SPORTIVO NEL VOLUME DELL'AVV. SPADAFORA

Maria Teresa Spadafora, Avvocato cassazionista del Foro di Roma, è l’autrice del Volume “Diritto del lavoro sportivo” che intende offrire una complessiva ricostruzione del lavoro sportivo, inquadrato nella duplice dimensione ordinamentale sua propria, che la prima edizione del volume riferiva esclusivamente all’ambito professionistico, è stata ora ampliata con riguardo all’attività sportiva nel settore dilettantistico.


Vengono trattati, alla luce dei più significativi contributi dottrinali e giurisprudenziali – di cui si dà conto in un ampio corredo di note anch’esse accuratamente rivedute ed aggiornate – i profili che vanno dalla formazione del contratto alla disciplina del rapporto fino a comprendere gli aspetti di carattere previdenziale sindacale e giurisdizionale.

L’Avv. Spadafora figura tra gli esperti presso la Scuola dello Sport del CONI Lombardia e, dal 2006, è Docente al Corso di Perfezionamento post-laurea in “Diritto Sportivo e giustizia sportiva” presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano

 

CINEMA, TV, SPORT E SVAGO: 25 MILIARDI DI APP PER SMARTPHONES

Il download delle applicazioni per smartphone e tablet della famosa casa di Cupertino raggiunge quota 25 miliardi.

Ultimo avvenimento in ordine di tempo visto grazie alle applicazioni è stata – per quanto riguarda il cinema – la notte degli “Oscar” che, alla “veneranda età” di 84 anni, è diventato “social”. Grazie all’applicazione gratuita è stato possibile assistere, in diretta, alla notte cinematografica per antonomasia con esclusive sulle star del cinema e i video del backstage. Un mercato decisamente in ascesa a tal punto che è stato fissato un premio in denaro per il fortunato “scaricatore” della App.

 

DIRITTI TV CALCIO: L’ALTA CORTE CONFERMA IL DECODER SENZA FRONTIERE

L’Alta Corte di Londra ha sancito la libera circolazione dei decoder stranieri in Europa per vedere le partite di calcio in tv. La sentenza ha stabilito che gli utenti hanno diritto ad abbonarsi all’emittente satellitare che preferiscono, non necessariamente a quella del loro Paese rendendo così lecito il decoder “senza frontiere”.

La querelle era nata da una denuncia da parte della Premier League, il campionato di calcio inglese, nei confronti di una persona che usava un decoder “low cost” di fabbricazione greca, invece dell'abbonamento alle pay per view abilitate alla trasmissione delle partite di calcio in chiaro.

 

AL JAZEERA LANCIA LA SFIDA A SKY PER I DIRITTI DELLA PREMIERE LEAGUE INGLESE

Al Jazeera, l’emittente televisiva del Qatar, lancia la  battaglia multimilionaria per i diritti tv della Premier League, il campionato di calcio inglese, a Sky e ESPN.  I numeri dell'operazione sono di tutto rispetto. L'accordo attuale, che esaurirà i suoi effetti a fine stagione, prevedeva un investimento pari a circa 1,8 miliardi di sterline, poco meno di 2 miliardi di euro. Possibile che con i chiari di luna dell'economia mondiale la cifra non si muoverà di tantissimo, anche con l'intervento massiccio di Al Jazeera, che evidentemente non ha alcun interesse a pagare più del necessario. Sky e Espn hanno visto che cosa è stata in grado di fare l'emittente televisiva del Qatar in Francia e temono che il progetto di conquista possa essere replicato anche nel Regno Unito. Secondo il Telegraph sono state fondamentalmente due le direttive lungo le quali ha preso forma il disegno in terra transalpina. La prima, probabilmente la più clamorosa, l'acquisto del Paris Saint Germain (la squadra più prestigiosa) da parte di un fondo di investimento guidato dal ricchissimo sceicco Nasser Al-Khelaifi.

 
Altri articoli...