28 October - 2 November 2010
FICTS (FÉDÉRATION INTERNATIONALE CINÉMA TÉLÉVISION SPORTIFS, 113 PAESI ADERENTI), RICONOSCIUTA DAL CIO, E' LA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DELLE TELEVISIONI SPORTIVE E IMMAGINI SULLO SCHERMO

Ottimizzato per Chrome e Firefox

FICTS Festival

AL VIA SPORT MOVIES & TV 2010 - 28° MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST"

Al via a Milano “Sport Movies & Tv 2010 - 28th Milano International FICTS Fest”, Finale dei 14 Festival del Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva “World FICTS Challenge” che hanno avuto luogo nei 5 continenti.


La “Cerimonia di Inaugurazione” - teletrasmessa su RAI Sport 2 avrà luogo Giovedì 28 ottobre (ore 18) al “Grattacielo Pirelli” (Piazza Duca d’Aosta 3 – Milano) alla presenza delle massime Autorità Istituzionali e sportive. Interverranno:Francesco Ricci Bitti, Presidente Federazione Internazionale Tennis e Membro CIO, Livio Berruti (Campione Olimpico di atletica), Gianni Rivera ex-calciatore del Milan, la F. C. Inter Campione d’Europa in carica, Jordi Cruijff ex-calciatore di Ajax, Barcellona e Manchester Utd, Edoardo Mangiarotti (il più “medagliato” di sempre), Squadra Nazionale Italiana di ginnastica ritmicaMarc Girardelli (Argento Olimpico nello sci), Alberto Tomba (Campione Olimpico di sci), Giuliano Razzoli (medaglia d’oro a Vancouver 2010) e Francesca Porcellato (medaglia d’oro ai Giochi Paralimpici Vancouver 2010), Ernesto Colnago (Presidente Colnago & C s.r.l.). (Campionesse del mondo 2009/2010), i campioni del presente e del passato dello sci

Il Festival (con ingresso gratuito), patrocinato dalle massime Istituzioni, è organizzato dalla FICTS (Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, a cui aderiscono 103 Nazioni) riconosciuta dal CIO - Comitato Internazionale Olimpico. La Federazione è presieduta dal Prof. Franco Ascani Membro della Commissione Cultura ed Educazione Olimpica del CIO.

 

INTERVISTA DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA FICTS MASSIMO LAVENA A TANIA CAGNOTTO

Il Segretario Generale della FICTS Dott. Massimo Lavena ha intervistato Tania Cagnotto, vice campionessa mondiale e sette volte campionessa europea di tuffi (ultimo oro conquistato ai Campionati europei di nuoto di Budapest, dal 4 al 15 agosto 2010) che sarà insignita a “Sport Movies & Tv 2010 - 28th Milano International FICTS Fest” della “Excellence Guirlande d’Honneur” la massima onorificenza della Federazione Internationale Cinema Television Sportifs. Domenica 31 ottobre (ore 15) nella Sala Parlamentino sarà proiettato - in anteprima mondiale - il film “Tania...d’aria e d’acqua” prodotto dalla Vegetal-Progress e diretto da Pietro Bartolini che racconta le sue emozioni e la sua carriera dagli esordi ai trionfi europei della prima donna italiana ad aver conquistato una medaglia mondiale nei tuffi.


- Tania, tu sei praticamente nata in acqua, tuo papà e tua mamma campioni di tuffi: tu come vivi il rapporto con l’elemento acqua?

Ogni tanto sono ben stufa di spogliarmi, mettermi il costume, entrare in acqua, tutte cose che se uno le fa due volte al giorno non ha poi certo la voglia la domenica di recarsi in piscina con gli amici. Io non ci riesco mai. Sono cose che alla lunga ti possono anche nauseare. Ma io amo questo sport, per fortuna mi piace la competizione: magari i lunghi periodi senza gare sono un po’ difficili per me, perché mi manca lo stimolo. Ma appena si avvicinano le gare una nuova strada che si apre.

- Due annate definibili trionfali: le tre medaglie d’oro di Torino, l’argento ed il bronzo dei mondiali di Roma nel 2009, le due medaglie d’oro quest’anno agli europei di Budapest. Quali stimoli ti sono venuti, ed in particolare da Roma?

Roma era una gara diversa, che non si ripeterà: saltare in casa è difficile psicologicamente, ed io non credo di arrivare nuovamente ad un punto così alto di tensione come Roma 2009, troppo emozionante. Ma è una esperienza che non  dimenticherò mai, sarà sempre uno dei ricordi più belli di tutta la mia vita. Sarà difficile ripetersi, non ci saranno più mondiali in casa ne olimpiadi,  quindi questa situazione sarà difficilmente ripetibile, ma comunque uno spera da sportivo di riuscire  almeno ad avvicinarsi, poi ovviamente l’obbiettivo più grande sono le Olimpiadi di Londra 2012… chissà cosa succederà.

- Una delle motivazioni che hanno portato la FICTS nel 2008 a decidere di insignirti della “Guirlande d’Honneur” la tua testimonianza di atleta pulita, di  atleta solare, che porta tante persone ad apprezzare il valore educativo dello sport. Oggi tu sei anche testimonial per la sicurezza stradale ed hai fatto la scelta di campo di essere persona che spende la sua figura per i valori sociali: quanto la tua esperienza di sportiva ti aiuta nell’incontro con le altre persone?

Lo sport ti insegna tanto, non solo come gareggiare ed allenarti, ma come  affrontare certe difficoltà della vita, come comportarsi  quando magari divieni una persona conosciuta: è molto importante sapere che sei comunque un  modello per dei bambini, anche solo per i tuoi tifosi. Io ci tengo molto e mi impegno ancora di più nel cercare di far le cose giuste, in maniera leale e corretta.

- Tu hai fatto la scelta di farti assistere dalla Vegetal Progress, Prodotti naturali da agricoltura biologica ed integratori di vitamine e minerali: per cui hai fatto una scelta di natura anche alimentare e salutistica. Senza entrare nel merito dei tuoi gusti a tavola, ma quanto il tuo aver scelto una  azienda così, ti far sentire meglio?

Intanto sono cose naturali, non sono  medicinali, che non fanno bene a lungo andare. Sono prodotti biologici, e io credo  in questi prodotti, che ti danno un po’ di più di energia, ti aumentano le difese immunitarie, e noi, che di energia ne spendiamo tanta, meno ci ammaliamo e meglio è. È per questo che sono molto contenta di questo rapporto con la Vegetal Progress: sono convinta profondamente della bontà dei prodotti che mi sostengono e mi aiutano, rispettando il mio corpo e proteggendolo. Sono alimenti che mi fanno bene, me ne accorgo, e sono certa che una parte dei miei risultati dipenda anche dalla giusta alimentazione che faccio.

- Un mito, una avversaria, Yuliya Pakhalina, che ti ha accompagnata in tante gare. Con lei sei stata anche in Texas per oltre un anno…

Lei è andata in America perché comunque voleva trovare un’altra strada oltre i tuffi. Ha studiato,  si è laureata, però ovviamente il gran lavoro lo aveva fatto  in Russia. Credo che la Russia si avvicini un po’ alla Cina come metodi di allenamento. La Pakhalina quando era in Russia si allenava quasi come una cinese, a livello di moltissime ore, di tecnica, tutto. In effetti lei è andata in America che già aveva vinto una Olimpiade, aveva 22 anni, il vero lavoro lo aveva già fatto. Io sono andata in America perché c’era lei e mi ha aiutato molto: per me Yuliya è un modello da ammirare, la stimo molto sia come persona che come atleta. Ma io in America non mi sono trovata bene perché mi son sentita un po’ sfruttata per gareggiare per l’università ed erano troppe le gare che dovevo disputare durante l’anno, perdendo così la concentrazione per le gare importanti, come europei, mondiali. Insomma tutti e due non riesci a farlo. Son tornata ma comunque è una esperienza che rifarei, al di là dei tuffi.

- Cos’è l’amicizia nello sport?

Innanzitutto l’amicizia nello sport esiste, ed io ne ho la conferma ogni giorno con  la mia compagna di sincro, Francesca Dallapè, con la quale condivido non solo le vittorie. Ma anche quando  mi rivedo con le atlete di tutto il mondo durante le gare. Sono sincera: io non ho mai sperato che una mia avversaria sbagliasse un tuffo, è una cosa che non mi piace fare. La speranza è quella di farlo io meglio, il tuffo, e la mia avversaria meno bene ma  non ho mai “gufato”. Abbiamo la fortuna di andare tutti d’accordo: il nostro è un piccolo mondo, e, anche se c’è competizione e rivalità, al di fuori della gara c’è una grande amicizia.

- Cosa ti ha fatto reagire dopo la crisi di risultati del 2006-2007, (poi nel 2008 la china è ripartita)? In alcune interviste, in immagini con tuo padre  durante alcune gare, manifestavi la delusione per non aver raggiunto il risultato che volevi…

Beh per un atleta è una delusione non raggiungere l’obbiettivo per il quale ha faticato,  si è allenato duramente. Io conoscevo il motivo per il quale stavo così: ero rientrata dall’America distrutta psicologicamente e fisicamente. Ero giunta ad un punto di esagerazione con lo sforzo fisico e non andava più. I miei compagni di squadra, quando mi hanno rivisto si son spaventati perché sembrava che  avessi dimenticato come si fanno i tuffi. Quell’anno non è stato bello, ho perso un europeo, buttato via tutti i Gran Prix dell’anno, Ma sapevo che avevo solo bisogno di un lungo riposo, ho fatto più di un mese di pausa completa. Poi ho ripreso da capo, a casa mia, con il mio papà, ho ripreso le mie antiche abitudini, e da lì poi è andato tutto bene. Ma ogni tanto, comunque, è importante cambiare

 

PRESENTATO IL CARTELLONE DI “SPORT MOVIES & TV 2010 - 28 MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST"”

Milano - dal 28 ottobre al 2 Novembre 2010 - ospiterà “Sport Movies & Tv 2010 - 28th Milano International FICTS Fest”, Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva “World FICTS Challenge”, Finale dei 14 Festival che si sono svolti nei 5 continenti.

Da sinistra: Prof. Franco Ascani, Vito Liverani, Auro Bulbarelli, Monica Rizzi,
Andrea De Luca, Federico Calcagno, Manfredi Palmeri.

Il Festival (con ingresso gratuito), patrocinato dalle massime Istituzioni, è organizzato dalla FICTS (Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, a cui aderiscono 103 Nazioni) riconosciuta dal CIO - Comitato Internazionale Olimpico. Il Prof. Franco Ascani, Presidente della Federazione e Membro della Commissione “Cultura ed Educazione Olimpica” del CIO ha presentato il programma.

L’Assessore allo Sport della Regione Lombardia Monica Rizzi ha sostenuto che “Sport Movies & Tv 2010” contribuisce a formare un nuovo modello di educazione e di cultura sportiva. “Questi sono i versanti dello sport che preferisco - ha commentato l’Assessore - perché consentono ai nostri giovani di attingere elementi di aggregazione, formazione e inclusione sociale”.

Nel corso della Conferenza Stampa ha premiato - “per l’attività svolta a favore dello sport Lombardo” - con “La rosa Camuna”:

  • Il fotocronista Vito Liverani con la seguente motivazione:

L’Ambrogino d’Oro e la pergamena dei Cavalieri della Repubblica non bastano a descrivere i meriti di uno dei più grandi fotografi sportivi di tutti i tempi. Durante la gavetta per la Dotti e Bernini, Liverani scopre la sua passione per il pugilato. Le fotografie dal ring lo rendono uno dei fotografi più contesi dalle palestre e della redazioni sportive. Dal 1952 lavora in esclusiva per la Gazzetta dello Sport, cominciando a scattare immagini anche per calcio, ciclismo e atletica. Nel 1956 fonda l’agenzia Olimpia, nome suggerito dall’amico Gianni Brera in onore delle imminenti Olimpiadi di Roma. Nel 1980 apre l’agenzia Omega. In 69 anni di carriera e con oltre 10 milioni di negativi e diapositive, Liverani ha raccolto un patrimonio immenso per la storia dello sport italiano. Celebre la foto scattata durante il Giro d’Italia che ritrae lo scambio di borraccia fra Fausto Coppi e Gino Bartali.

  • Il Presidente della FICTS Prof. Franco Ascani con la seguente motivazione:

Conosciuto come uno dei massimi esperti di management, comunicazione, legislazione,  formazione, marketing nel mondo sportivo dove ha ricoperto, e tuttora ricopre, importanti incarichi a livello dirigenziale internazionale. Membro della Commissione “Cultura ed Educazione Olimpica del CIO; Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs con 103 Paesi affiliati; V. Presidente Federation Internationale du Sport pour Tous. Vanta una trentennale esperienza accademica. E’ Direttore del Master Universitario in “Sport Management, Marketing e Sociology” presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca.  Per conto di Enti Pubblici e Organizzazioni sportive ha curato la realizzazione di importanti eventi nazionali ed internazionali con particolare riguardo allo “Sport per tutti” in Lombardia attraverso attività motorie nella Scuola con il record di tremilioni di partecipanti dal 1964 ad oggi. Opera quotidianamente, con entusiasmo e passione,  per promuovere “la cultura e l’educazione  attraverso lo sport” all’insegna dell’etica, del fair play e dell’inclusione sociale.

  • la Redazione di RAI Sport Lombardia (Auro Bulbarelli, Federico Calcagno e Andrea De Luca) con la seguente motivazione:

La redazione sportiva della Rai di Milano, nelle persone dei giornalisti Auro Bulbarelli, Federico Calcagno e Andrea De Luca, si è particolarmente distinta per professionalità, competenza e capacità di raccontare non solo l’evento agonistico ma anche il suo contesto ambientale. Da questa sensibilità, spesso elevata a cultura, ha tratto beneficio anche l’immagine della terra lombarda, talvolta purtroppo dimenticata da altri media. Inoltre è degna di menzione la conoscenza di suddetti sport minori, cui sono riconosciuti pari dignità e spazio nei palinsesti.

Nel corso della “Cerimonia di Inaugurazione che avrà luogo Giovedì 28 ottobre (ore 18) “Grattacielo Pirelli” (Piazza Duca d’Aosta 3 – Milano), saranno presentati - in anteprima - video olimpici di “Londra 2012”, “Sochi 2014” e “Rio 2016” e uno scoop sul finale del famoso film “Fuga per la vittoria”. La proiezione di “Omaggio a Charlie Chaplin” concluderà la serata.

Interverranno alla Cerimonia di Apertura:

l’Inter F.C., Campione d’Europa, i due “Palloni d’oro” degli anni ‘70, Johan Cruijff e Gianni Rivera. La FICTS consegnerà la “Guirlande d’Honneur alla memoria” a Silvana e Gabriella Meazza, figlie di Giuseppe Meazza, il “più grande calciatore di sempre” in occasione del Centenario della nascita. Il mondo della sci sarà rappresentato dalla coppia (avversari di un tempo) Alberto Tomba e Marc Girardelli e le Medaglie d’oro a Vancouver 2010 Giuliano Razzoli e Francesca Porcellato. Due “pezzi da novanta”: Edoardo Mangiarotti, il più “medagliato” e Ottavio Missoni, stilista e “mito in pista”. La Squadra Italiana di ginnastica ritmica bi-campione del mondo. Dino Meneghin Presidente Federbasket. Samuel Pizzetti, Europei nuoto 2010. Cav. Ernesto Colnago, Imprenditore del ciclismo, Francesco Ricci Bitti, Presidente Federazione Int.le Tennis e Membro CIO e Dick Fosbury, Presidente WOA, 53 registi e produttori provenienti da 44 Nazioni.

(Ingresso in sala sino ad esaurimento posti entro le 17.30 per esigenze televisive).

Dal 29 ottobre al 1 novembre (dalle 15 alle 22.30) - il Palazzo Giureconsulti (Piazza Mercanti, 2) ospiterà: 150 proiezioni (selezionate tra le 986 partecipanti da 44 Nazioni dei 5 Continenti), 7 Meeting, 4 Incontri, 2 Workshop, 4 Mostre, 4 Eventi collegati, 2 Conferenze Stampa, 30 Premiazioni con la partecipazione di 230 giornalisti, in 6 punti di proiezione contemporaneamente (http://www.sportmoviestv.com/programme)

La “Cerimonia di Premiazione”: Martedì 2 Novembre (ore 18) Palazzo Marino (Piazza Scala, 2 - Milano) consegna delle “Guirlande d’Honneur” ai vincitori di “Sport Movies & Tv 2010”

Novità esclusiva per la 28th edizione di “Sport Movies & Tv 2010”: 6 giorni in prima serata (ore 20.30), per un’ora e mezza, dal 28 Ottobre al 2 Novembre, su RAI Sport 2, il canale televisivo dedicato interamente allo sport della RAI – Radiotelevisione Italiana.

 

“EXCELLENCE GUIRLANDE D’HONNEUR” DELLA FICTS ALL’ INTER F.C.

L’Inter F.C. sarà insignita della “Excellence Guirlande d’Honneur” della FICTS (Fédération Internationale Cinéma Télévision Sportifs, a cui aderiscono 103 Nazioni) riconosciuta dal CIO - Comitato Internazionale Olimpico per “la prestigiosa conquista della Champions League completata - nello stesso anno - dalla vittoria dello Scudetto e della Coppa Italia che le hanno consentito di essere la prima squadra ad aver raggiunto l’ambito ed unico traguardo”.


La massima onorificenza della FICTS sarà consegnata ad una delegazione dell’Inter presso l’ “Auditorium Gaber” del “Grattacielo Pirelli”, sede della Regione Lombardia (Piazza Duca d’Aosta - Milano) dal Presidente della FICTS Prof. Franco Ascani Membro della Commissione CIO “Cultura ed Educazione Olimpica”, Giovedì 28 Ottobre (ore 18 - ingresso libero sino alle 17.45 per esigenze televisive) - alla presenza delle massime autorità civili e sportive - nel corso della “Cerimonia di Inaugurazione” di “Sport Movies & Tv 2010 - 28th Milano International FICTS Fest”, Finale dei 14 Festival del Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva “World FICTS Challenge”.


 

I BAMBINI PROTAGONISTI A “SPORT MOVIES & TV 2010

All’insegna dello slogan “Culture through sport” (Cultura attraverso lo sport), il Comitato Organizzatore di “Sport Movies & Tv 2010 - 28th Milano International FICTS Fest”, Finale dei 14 Festival del Campionato Mondiale del Cinema e della Televisione sportiva “World FICTS Challenge” che hanno avuto luogo nei 5 continenti (in programma a Milano dal 28 ottobre al 2 Novembre) ha deliberato l’ingresso gratuito per gli adulti che si presenteranno con un bambino alla Reception: "Cerimonia di Inaugurazione”: Giovedì 28 ottobre (ore 18) “Grattacielo Pirelli” (Piazza Duca d’Aosta 3). “Core Business”: dal 29 ottobre al 1 novembre (dalle 15 alle 22.30) “Palazzo Giureconsulti”  (Piazza Mercanti, 2). “Cerimonia di Premiazione”: Martedì 2 Novembre (ore 18) Palazzo Marino (Piazza Scala, 2). delle tre Sedi del Festival: “

L’articolato programma (40 pagine a colori vedi sito web della FICTS www.sportmoviestv.com/programma) comprende 150 proiezioni (tra cui cartoon), 3 Mostre (tra cui una dedicata al basket con le Coppe più prestigiose vinte a livello internazionale dalla Federazione e l’altra al ciclismo con le biciclette storiche) iniziative sportive, culturali (tra cui il Meeting “Etica e calcio giovanile” con la presentazione del video ufficiale del campus FIGC di Salice Terme), di intrattenimento rivolte anche ai più piccoli (Giornata dedicata al benessere fisico con il Meeting “Giovani, sport e alimentazione”), con la partecipazione di famosi personaggi del mondo dello sport, della tv e del cinema: dalle bi/Campionesse del mondo di ginnastica ritmica ai giocatori di calcio dell’Inter Campione d’Europa, a Gianni Rivera e Johann Crujff, ai Campioni Olimpici del presente (come Giuliano Razzoli e Francesca Porcellato, medaglie d’oro nello sci a Vancouver 2010) e del passato (come Dick Fosbury, olimpionico nel salto in alto a Messico ‘68), Edoardo Mangiarotti, il più “medagliato” di sempre, Livio Berruti, Campione Olimpico di atletica), ai giovani protagonisti di “Più sport con i giovani - Trofei di Milano” che quest’anno festeggerà il tre milionesimo partecipante.

 
Altri articoli...